Come stare attenti alle cose che se ne vanno

Quella di stare attenti ai fenomeni mentre escono dal nostro campo percettivo è una capacità della mente molto importante, che aiuta a osservare il nostro modo di sentire – e dunque la realtà stessa – in modo sottile e acuto. Nell’antica lingua pali, l’attività della mente non appena si dirige verso un certo oggetto (un oggetto dei sensi, un pensiero) è chiamata vitakka, mentre quella della mente che sostiene l’attenzione su qualcosa è vicara.

In uno dei testi della tradizione buddista contenuto nel canone pali, vitakka e vicara sono paragonate a un uccello che inizialmente deve sforzarsi (vitakka) per trovare la corrente ascensionale giusta, ma poi gli è sufficiente spiegare le ali per planare in una situazione di equilibrio senza sforzo (vicara).

Nella meditazione, vitakka è l’applicazione iniziale sull’oggetto di meditazione, mentre vicara è il mantenimento dell’attenzione sull’oggetto stesso. Ecco cosa avviene. Si presenta un fenomeno nella coscienza (un suono, un odore, una sensazione del corpo, un’emozione) e l’attenzione viene diretta verso quel fenomeno. Quando il fenomeno è all’apice anche l’attenzione è massima, ma poi, quando comincia a decrescere, tendiamo spontaneamente a dirigere altrove l’attenzione. La nostra “mente operativa” vuole subito intervenire e toglie spazio alla “mente contemplativa”. Riuscire invece a mantenere a lungo l’attenzione, in modo consapevole ed equanime, è l’essenza stessa della meditazione, ed è particolarmente ricercato in un approccio come quello della meditazione vipassana.

Vitakka e vicara vengono classificate come 2 delle 51 formazioni mentali, ovvero i possibili stati in cui si può trovare la mente umana.

Un altro interessante paragone che è stato fatto è quello della consapevolezza che agisce come una mazza che batte su un palo per conficcarlo nel terreno. Il palo è l’oggetto della meditazione. Tornandoci più e più volte col pensiero (ad esempio etichettandolo come si fa quando si pronuncia mentalmente le parole “dentro” e “fuori” per accompagnare la respirazione) si contrasta la tendenza della mente a farsi catturare dalle 6 direzioni dei sensi ( i 5 sensi più i pensieri) . Ogni volta che la mazza batte sul palo, quest’ultimo scende più in profondità. A un certo punto non c’è più bisogno di battere, perché la mente può dimorare tranquilla senza più fare alcuno sforzo. Ma perché si arrivi a ciò serve una pratica quotidiana.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: