Fai-da-te: il panchetto di Elena

Panchetto da meditazione a VEcco una nuova versione di panchetto da meditazione da costruire: il “panchetto di Elena“. Rispetto al modello pieghevole, già pubblicato in quella che è ormai una delle pagine più visitate di questo sito, il panchetto di Elena è un po’ più particolare. Anche questo da viaggio, è pensato tipicamente per chi medita in posizione “seiza“, cioè in ginocchio.

Si veda, a tal proposito, la guida alla postura di meditazione (pdf).

Istruzioni

Innanzi tutto, taglia tre pezzi di legno in base alle forme e dimensioni riportate nella foto che segue. Può andare bene il compensato, il legno massello o il lamellare. Ti sconsiglio invece materiali come l’MDF e il truciolare. Come spessore, meglio non scendere sotto i 10 millimetri, ma 15 vanno meglio. I due pezzi a forma di trapezio li devi unire tra loro con una cerniera, che troverai dal ferramenta, assieme alle viti per assicurarla alle tavole. Poi disegna sul pezzo rettangolare la V, badando a centrarla bene.

Su ciascuna delle due diagonali devi fare col trapano 4 buchi, per ospitarvi i tasselli di legno. Tali buchi devono coincidere perfettamente con quelli che farai sui bordi dei due trapezi. Su questi ultimi, incollerai i tassell, in modo che sporgano per metà della loro lunghezza e possano incastrarsi perfettamente nei buchi della tavola rettangolare.

A questo punto, il panchetto è fatto. Quando vorrai usarlo, dovrai poggiare in terra la parte rettangolare e incastrarci gli altri due pezzi, a formare una V, tramite i tasselli ad incastri.

Per trasportalo, invece, basta che ripieghi la V metti tutto nella borsa!

Il panchetto passera buona parte della sua vita in terra e a contatto con il tuo sedere.

Perciò farai bene a trattarne la superficie, in modo che non si sporchi in modo indelebile, con una vernice impregnante.

Quei due buchi più grandi, che hai notato nella foto all’inizio, servono per rendere più facile lo smontaggio: dopo aver poggiato il panchetto in terra a rovescia, tieni fermo il sedile con i piedi e incastri i due indici nei buchi, per staccare la base.

Se pensi di non essere in grado di realizzare un oggetto del genere, considera l’altro modello, che è più semplice, oppure fatti aiutare da una persona più esperta di te nell’arte della falegnameria. In tal modo, ogni volta che ti siederai a meditare, quella persona sarà insieme a te!

Vedi altri articoli su:

[Ringraziamenti: a Elena Guadagnini, per quest’idea di panchetto]

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Paolo Subioli ha detto:

    Carissima Elena, ho saputo oggi che ci hai lasciato. La notizia mi ha reso molto triste. Sono però contento di averti conosciuta.
    Grazie per la tua generosità. Mi hai insegnato molto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: