Come guardare fuori dal finestrino del treno o dell’auto può farti capire chi sei veramente [video]

Guardare fuori dal finestrino del treno o dell’auto può farti capire chi sei veramente e aiutarti a soffrire di meno. Non è una dichiarazione paradossale, ma lo scopo di un esercizio zen, quindi di qualcosa che, se lo pratichi molte volte, può veramente fare accadere qualcosa. In questo caso, un esercizio nello stile tipicamente contemporaneo di Zen in the City.

Mentre guardiamo fuori dal finestrino vediamo passare davanti a noi molte cose diverse: paesaggi, edifici, mezzi, persone, animali, cose. Tutto ciò entra nel nostro campo visivo, ci sta per un po’ e poi esce definitivamente, senza ripresentarsi più nello stesso identico modo.

Lo stesso meccanismo si verifica nella nostra mente, di continuo. I base agli stimoli che riceviamo, sia dall’esterno che dall’interno, si creano sensazioni (tramite i cinque sensi), pensieri stati d’animo ed emozioni. Nonostante tendiamo ad identificarci con tali condizioni della mente, queste ultime non ci appartengono affatto, dal momento che vanno e vengono.  Proprio come le piante, gli animali e gli edifici che vediamo dal finestrino, appaiono, stanno per un po’ e poi scompaiono.

Fare propria questa caratteristica della mente è un’enorme conquista e ci consente di evitare molta sofferenza inutile. Se siamo infatti consapevoli che nulla ci appartiene e che non c’è un io separato che comanda tutto, possiamo essere molto più liberi dagli attaccamenti e dalle avversioni per ciò che accade nella nostra vita.

La meditazione è proprio questo: osservare a lungo ciò che transita nella nostra coscienza, per coglierne il carattere impermanente e inconsistente. L’esercizio di guardare fuori dal finestrino ci aiuta ad andare in quella direzione.

Per approfondire:

impermanenza

mente

treno

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

Paolo Subioli - Ama il tuo smartphone come te stessoSe t'interessa questo tema, è il momento di leggere "Ama il tuo smartphone come te stesso", il libro di Paolo Subioli che per la prima volta affronta in modo sistematico tutte le problematiche legate all'uso degli smartphone, dei social e dei media digitali in genere. Nel libro viene descritto il metodo Digital Mindfulness, che avvalendosi degli insegnamenti di maestri come Thich Nhat Hanh, Pema Chodron, Alan Watts e lo stesso Jon Kabat-Zinn, affronta il tema della consapevolezza nel mondo contemporaneo e negli ambienti di lavoro.

Leggi l'anteprima dell'introduzione

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: