Charlotte Joko Beck – Essere dove siamo è perfetto

“Dall’albero secco sboccia un fiore”. O, in linguaggio biblico: “Ciò che tu semini non prende vita se prima non muore”. La pratica è un lento morire, passo dopo passo, disidentificandoci gradualmente da tutto ciò a cui siamo aggrappati. Se manteniamo ancora una piccola presa, non siamo morti. Tutti siamo identificati con la nostra famiglia, ma disidentificarci da essa non significa cessare di amarla. Oppure, considerate vostro marito, vostra moglie, il vostro compagno e il reciproco bisogno che si instaura. Più pratichiamo, più il bisogno si smussa. Il bisogno decresce e aumenta l’amore. È difficile amare se c’è bisogno. Se abbiamo bisogno di ricevere approvazione, non siamo morti. Se sentiamo il bisogno di potere o di una posizione sociale, se non siamo contenti di un lavoro umile, non siamo morti. Se abbiamo bisogno di apparire in un certo modo, non siamo morti. Se vogliamo che le cose siano come desideriamo, non siamo morti. Io non sono ancora morta in tutti questi modi, sono solo consapevole dei miei attaccamenti e non agisco spesso in base a essi. La morte significa la scomparsa degli attaccamenti, e in questo senso un vero illuminato non è più umano. Non conosco nessuno così. Ho conosciuto molte persone notevoli, ma nessuna così. A noi basta essere dove siamo e lavorare sodo. Essere dove siamo è perfetto.

Da: Charlotte Joko Beck, “Zen quotidiano“, Astrolabio Ubaldini, 1991.

Per approfondire:

morte

non identificazione

non attaccamento

essere già perfetti

Letture di Charlotte Joko Beck

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

Libri di Charlotte Joko Beck:

Se trovi utile il servizio di Zen in the City e desideri che continui,
considera l'ipotesi di dare anche tu il tuo contributo:

[La foto è di Tommy Weir, Irlanda]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: