Ezra Bayda – La perseveranza richiede coraggio

Come forse saprete, gli alti e bassi della pratica sono prevedibili e inevitabili. In effetti, uno dei segni di una pratica matura è ricordarsi di anticipare le fasi calanti, mettere in conto le resistenze e sapere quali misure prendere.

Ad esempio, dopo aver fatto alcuni ritiri sappiamo che sei un ritiro è stato particolarmente intenso è probabile che ci troveremo alle prese con una resistenza di pari intensità. Magari non subito, ma prima o poi è facile che cada. Qualcosa misura prendere in caso di resistenza? Che altro, se non perseverare?

Perseverare significa avere costanza, a prescindere dal nostro stato d’animo. Anche se siamo demotivati, o non ricordiamo più cosa ci spinge a replicare, sappiamo almeno che non dobbiamo demordere. Sappiamo, almeno, di dover fare atto di presenza. In effetti, perseverare malgrado lo scoraggiamento e la resistenza è spesso l’occasione migliore per imparare. Per tutti arrivano i momenti in cui la resistenza può essere forte, in cui sentiamo di aver perduto l’aspirazione. Chi non ha mai pensato: “non ci riuscirò mai “, non sarò mai capace di impegnarmi quanto dovrei”, oppure “a che serve?” Eppure, continuare a praticare, perseverare, anche quando non ricordiamo perché, è un modo per imparare ad andare a fondo nella vita. Restare con l’esperienza viscerale o fisica del dubbio, del sapere di non sapere, è la via d’accesso più diretta alla pratica.

[…]

In concreto la perseveranza si traduce, ad esempio, nel meditare tutti i giorni, che ci vada o no. Oppure nel frequentare regolarmente un centro di pratica e partecipare ai ritiri, anche se spesso preferiremmo essere altrove. Inoltre, perseveranza significa restare presenti alle esperienze più difficili, anche solo per la durata di tre respiri, e anche quando una parte di noi vorrebbe fuggire nei pensieri, nelle fantasie, nei giudizi, nelle accuse, o in un’altra delle nostre scappatoie preferite. La perseveranza richiede un certo tipo di coraggio, il coraggio di esaminare a fondo le proprie convinzioni, in particolare le illusioni su di sé. Richiede anche il coraggio di riflettere sul proprio modo di vivere, di guardare se stessi con implacabile onestà e ammettere: “sì, mi comporto così”, oppure: “questo è il mio punto debole”. Non è una forma di autocritica, ma una osservazione oggettiva. Eppure, da quello sguardo più profondo, si sviluppa gradualmente la motivazione per cui la pratica diventa il riferimento centrale dell’esistenza. L’aspirazione a sapere cos’è la vita, e a viverla con l’apertura di cuore, diventa una priorità, nonché il contesto che dà senso a tutto il resto; allora è possibile accogliere la vita malgrado le circostanze.

Da Ezra Bayda, Cuore zen. Consigli semplici per una vita di consapevolezza e compassione, Astrolabio Ubaldini, 2009.

Per approfondire:

coraggio

costanza nella pratica

perseveranza

letture di Ezra Bayda

Come tutti i libri di Bayda anche questo è davvero importante. L'accento è sugli aspetti psicologici della pratica buddista. Si fa un'analisi delle nostre paure, di ciò che ci impedisce di accedere a quella nostra parte più pura e più bella, al cuore. Per questo insegnate zen di San Diego il lavoro psicologico su di noi è preliminare e necessario a quello spirituale. Ci sono esercizi da fare sia in meditazione che durante il giorno che ho trovato molto pregnanti (da un utente di Anobii)
Pubblicato da: Astrolabio Ubaldini
ISBN: 978-8834015568
Disponibile in: Versione economica

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

Si ringrazia per il testo il Centro Studi Mindfulness

[La foto è di Zach Dischner, Usa]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: