Fritjof Capra – La meccanica quantistica

La meccanica quantistica ha demolito i concetti classici di oggetti solidi e di leggi rigorosamente deterministiche della natura. A livello subatomico, gli oggetti materiali solidi della fisica classica si dissolvono in configurazioni di onde di probabilità e queste configurazioni in definitiva non rappresentiamo probabilità di cose, ma piuttosto probabilità di interconnessioni. Un‘attenta analisi del processo di osservazione in fisica atomica ha mostrato che le particelle subatomiche non hanno significato come entità isolate, ma possono essere comprese soltanto come interconnessioni tra la fase di preparazione di un esperimento e le successive misurazioni. Quando ci si occupa della materia a livello atomico, non si può più operare la separazione cartesiana tra l’io e il mondo, tra l’osservatore e l’osservato La meccanica quantistica rivela quindi una fondamentale unità dell’universo: mostra che non possiamo scomporre il mondo in unità minime dotate di esistenza indipendente. Per quanto ci addentriamo nella materia, la natura non ci rivela la presenza di nessun «mattone fondamentale» isolato, ma ci appare piuttosto come una complessa rete di relazioni tra le varie parti del tutto. Queste relazioni includono sempre l’osservatore come elemento essenziale. L’osservatore umano costituisce sempre l’anello finale nella catena dei processi di osservazione e le proprietà di qualsiasi oggetto atomico possono essere capite soltanto nei termini dell’interazione dell’oggetto con l’osservatore. Ciò significa che l’ideale classico di una descrizione oggettiva della natura non è più valido. Quando ci si occupa della materia a livello atomico, non si può più operare la separazione cartesiana tra l’io e il mondo, tra l’osservatore e l’osservato. Nella fisica atomica, non possiamo mai parlare della natura senza parlare nello stesso tempo di noi stessi.

Da: Fritjof Capra, “Il Tao della fisica”, Adelphi, 1998

Il Tao della fisica

Editore: Adelphi
Data pubblicazione: 20 marzo 1989
ISBN: 8845906892
In sintesi: Capra svolge un’analisi delle analogie tra le teorie relativistiche e quantistiche della fisica moderna e le filosofie religiose orientali (induismo, buddhismo, taoismo, zen), mostrando come attraverso esperienze del tutto differenti giungano a conclusioni e considerazioni molto simili.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:


Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
[La foto è di Naomi, Dublino, Irlanda]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: