J. Krishnamurti – La nostra paura nasce dal bisogno di sicurezza

Strep72, Fear the Reaper

C’è la paura. La paura non è mai un fatto del momento: essa esiste prima o dopo il presente attivo. Quando c’è paura nel presente, si tratta di paura? È lì e non c’è modo di sfuggirla, nessuna evasione possibile. Lì, nel momento presente, c’è totale attenzione al momento del pericolo, fisico o psicologico. Quando c’è completa attenzione non c’è paura. Al contrario, il fatto della mancanza di attenzione genera la paura; la paura nasce quando si evita la realtà, quando c’è una fuga; allora la stessa fuga è paura.

La paura, nelle sue molte forme, senso di colpa, ansia, speranza, disperazione, è presente in ogni movimento di rapporto con la realtà; è presente in ogni ricerca della sicurezza; è presente nel cosiddetto amore e nel culto; è presente nell’ambizione e nel successo; è presente nella vita e nella morte; è presente nei fenomeni fisici e nei fattori psicologici. C’è paura in tantissime forme e a tutti i livelli della nostra coscienza. La difesa, la resistenza e il rifiuto nascono dalla paura. Paura del buio e paura della luce; paura di andare e paura di venire. La paura comincia e finisce col desiderio di sicurezza, interiore ed esteriore, col desiderio di potersi fidare, di avere stabilità. Si cerca la continuità della stabilità in tutte le direzioni: nella virtù, nell’amicizia, nell’azione, nell’esperienza, nella conoscenza, nelle cose esteriori e interiori. Trovare e avere sicurezza è l’eterno richiamo. È questa pretesa insistente che genera la paura.

Ma esiste una qualche stabilità, all’esterno o all’interno? Forse esteriormente può esserci, e anche quella è precaria: guerre, rivoluzioni, progresso, incidenti e terremoti. Sebbene la si insegua, a torto e a ragione, c’è mai certezza interiore, continuità interiore, stabilità? Non c’è. Nella fuga da questa realtà di fatto è la paura. L’incapacità di affrontare questa realtà provoca ogni forma di speranza e disperazione.

Se trovi utile il servizio di Zen in the City e desideri che continui,
considera l'ipotesi di dare anche tu il tuo contributo:

È lo stesso pensiero l’origine della paura. Il pensiero è tempo; il pensiero del domani porta piacere o dolore; se esso è piacevole, il pensiero ci si dedicherà, temendo la sua fine; se è doloroso, nello stesso evitarlo è la paura. Sia il piacere che il dolore causano paura. Il tempo come pensiero e il tempo come sentimento portano la paura. È la comprensione del pensiero, del meccanismo della memoria e dell’esperienza, che segna la fine della paura. Il pensiero è l’intero processo della coscienza, quello visibile e quello invisibile; il pensiero non è solamente la cosa pensata ma la sua stessa origine. Il pensiero non è semplicemente fede, dogma, idea e ragione ma il centro da cui queste cose muovono. Questo centro è l’origine di tutta la paura. Ma esiste la reale esperienza della paura? E anche, esiste la chiara coscienza della causa della paura da cui il pensiero fugge? L’autoprotezione fisica è ragionevole, normale e salutare, ma ogni altra forma di autoprotezione, a livello interiore, è resistenza e raduna e cementa una forza che è la paura. Ma questa paura interiore fa della sicurezza esteriore un problema di classe, prestigio, potere; e da qui nasce una competitività spietata.

Quando questo intero processo di pensiero, tempo e paura viene compreso non a livello di idea, di formula intellettuale, si ha la fine totale della paura, conscia o segreta. L’autocomprensione segna il risveglio e la fine della paura.

E quando la paura cessa, cessa anche il potere di dar vita all’illusione, al mito, alle visioni con la loro speranza e disperazione, e allora soltanto inizia un movimento diretto oltre la coscienza che è pensiero e sentimento. È lo svuotarsi degli intimi recessi, il dissolversi delle esigenze e dei desideri nascosti in profondità. A questo punto, quando c’è questo vuoto totale, quando c’è assolutamente e letteralmente il nulla – nessuna influenza, nessun valore, nessuna frontiera, nessuna parola – a questo punto in quel completo silenzio di tempo-spazio, arriva ciò che non ha nome.

Da: Jiddu Krishnamurti, “Taccuino. Un diario spirituale“, Astrolabio Ubaldini, 1980.

Per approfondire:

paura

ansia

sicurezza

vuoto

letture di Krishnamurti

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

Libri di Krishnamurti:

[La foto è di Strep72] libro zen in the cityÈ in libreria "Zen in the City", Edizioni Mediterranee, il libro che approfondisce e amplia i temi trattati in questo blog, proponendo nuovi esercizi per stare meglio in ogni occasione della nostra frenetica, dissociata e sempre più folle vita.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: