Jon Kabat-Zinn – Come abbandonarsi completamente all’ascolto

Smetto di fabbricare pensieri sulle origini dei suoni e mi abbandono all’ascolto. È proprio un’immersione nel suono, un godimento sensuale del puro suono e degli spazi fra un suono e l’altro, fra gli strati di suoni. Ora i suoni sono semplicemente quel che sono: non li identifico più, non li ascolto più in quel modo intento e direzionale. Mi limito a starmene seduto qui un attimo dopo l’altro a ricevere tutto ciò che sorge in quel panorama sonoro, senza neanche invitarlo a raggiungere le mie orecchie perché tanto arriva comunque, anche se di solito non lo sento realmente o non lo conosco perché la mente è altrove, occupata in qualcosa d’altro, in una cosa qualunque, magari anche a pensare quale sia l’origine dei suoni che sento o a preferirne alcuni ad altri o a formulare opinioni invece di limitarsi ad ascoltare.

Se mi abbandono all’ascolto non ci sono più io che ascolto, né suoni « là fuori»In questo abbandonarmi all’udito puro e semplice, in questi momenti, esiste solo il sentire. Il panorama sonoro è tutto. Non è più nel mondo: è il mondo. O più precisamente: non c’è più mondo. E non ci sono più io che ascolto, né suoni « là fuori»; non ci sono uccelli né camion né aerei né sirene né scale che vengono tirate su: ci sono solo suoni e spazi fra i suoni. C’è solo il sentire, in questo preciso momento, all’improvviso senza tempo, anche mentre fluisce nel momento senza tempo di un altro successivo « adesso ». E in questo sentire c’è anche l’immediata conoscenza del suono così come viene sentito nel suo sorgere, nel suo permanere breve o lungo, nel suo svanire. Non la conoscenza che proviene dal pensiero, non quella: una conoscenza più profonda, una conoscenza più intuitiva, una conoscenza che in qualche modo viene a monte delle parole e dei concetti che rivestono la nostra conoscenza, una sorta di pensiero di fondo, più essenziale… il sorgere insieme del suono e della conoscenza del suono in quanto suono, per quello che è, prima di essere rivestito dalla mente pensante con un nome e poi valutato dalla mente giudicante in base a quel nome, in base alle nostre preferenze e avversioni per le cose. Per il suono, questa conoscenza è un po’ come uno specchio: si limita a riflettere quello che le si para davanti, senza opinione ne atteggiamento, aperta, vuota, dunque capace di contenere tutto ciò che le si presenta.

Da: Jon Kabat-Zinn, Riprendere i sensi, TEA, 2008.

Per approfondire:

stare con l’udito

ascolto

letture di Jon Kabat-Zinn

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
[La foto è di Alan Antiporda, Stati Uniti]
In questo libro Kabat-Zinn intende fornire il testo di riferimento, nella nostra epoca, sulla relazione fra consapevolezza e benessere fisico e spirituale, prendendo in esame i misteri e le meraviglie della nostra mente e del nostro corpo e descrivendo modi semplici e intuitivi per arrivare, tramite i sensi, a una comprensione più profonda della nostra bellezza, del nostro genio e del percorso che scegliamo per la nostra vita in un mondo complicato, dominato dalla paura e in rapido mutamento.
Pubblicato da: TEA
ISBN: 978-8850216208
Disponibile in: Versione economica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: