Jon Kabat-Zinn – Come esplorare il proprio corpo con il body scan

Quando pratichiamo l’esplorazione del corpo, nella nostra consapevolezza è incluso proprio quel senso della propriocezione che descrive Oliver Sacks in “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello” e che Christina, una delle pazienti di cui racconta le vicende, ha tragicamente perso: la percezione di avere un corpo e, nell’universo corporeo in quanto unità intera e indivisa, di tutte le sue varie zone che possiamo identificare mentalmente una per una a vari livelli, da zero in su, e che possiamo « abitare ». Praticando l’esplorazione del corpo noi recuperiamo la sua pienezza di vita, cosi com’è, tirandolo fuori dalla nube d’inconsapevolezza in cui l’abbiamo relegato dandolo per scontato, per quanto ci è familiare. Nel body scan noi lo investiamo della nostra attenzione e quindi del nostro apprezzamento e del nostro amore, senza cercare di cambiare niente. Siamo esploratori di questo universo corporeo in costante mutamento, che è noi stessi a un livello profondissimo e insieme non lo è, in modo altrettanto profondo.

Quando si vuole raggiungere una sorta di guarigione, se è possibile (per quanto remota possa sembrare) , è essenziale che ci sia la volontà di riportare indietro il corpo da una sorta di oblio o di senso di ovvietà o dall’ossessione narcisistica per se stessi. Applicandoci tutti i giorni a questo compito noi ristabiliamo la connessione con la fonte stessa della nostra umanità, con il nostro nucleo centrale.

La consapevolezza che abbraccia i sensi li riporta in vita: l’abbiamo provato tutti, una volta o l’altra, in momenti di vitalità sopra il comune. Nel caso della propriocezione, quando ci dedichiamo ad ascoltare il corpo in un modo disciplinato e amorevole per giorni, settimane, mesi e anni, con perseveranza, anche se all’inizio sentiamo ben poco, non possiamo prevedere quel che succederà. Una cosa però è sicura: il corpo a sua volta si mette in ascolto e risponde nei modi che gli sono propri, al meglio delle sue possibilità.

Da: Jon Kabat-Zinn, Riprendere i sensi, TEA, 2008.

Per approfondire:

body scan

letture di Jon Kabat-Zinn

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:


Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
[La foto è di teakwood, Stati Uniti]
In questo libro Kabat-Zinn intende fornire il testo di riferimento, nella nostra epoca, sulla relazione fra consapevolezza e benessere fisico e spirituale, prendendo in esame i misteri e le meraviglie della nostra mente e del nostro corpo e descrivendo modi semplici e intuitivi per arrivare, tramite i sensi, a una comprensione più profonda della nostra bellezza, del nostro genio e del percorso che scegliamo per la nostra vita in un mondo complicato, dominato dalla paura e in rapido mutamento.
Pubblicato da: TEA
ISBN: 978-8850216208
Disponibile in: Versione economica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: