Sharon Salzberg – Essere veramente felici in questo mondo è un atto rivoluzionario

Ferran Jordà, La felicitat (happiness)

La sensazione di essere pienamente vivi, che sperimentiamo come felicità, può essere descritta anche come amore. Essere indivisi e non frammentati, essere completamente presenti, è amare; prestare attenzione è amare.

Il grande maestro indiano Nisargadatta Maharaj una volta disse: “La saggezza mi dice che non sono niente. L’amore mi dice che sono tutto. La mia vita scorre tra questi due termini”. ‘Non essere niente’ non significa che abbiamo dentro una lugubre terra desolata, significa che con la consapevolezza ci apriamo a uno spazio chiaro, libero, senza centro o periferia: niente di separato. Se noi non siamo niente, non c’è nulla che possa fare da barriera alla nostra infinita espressione d’amore. Non essendo niente noi siamo anche, inevitabilmente, tutto. ‘Tutto’ non indica un ingrandimento dell’io, ma un riconoscimento decisivo dell’interconnessione: non siamo separati. Sia il chiaro spazio aperto del ‘niente’, sia l’interconnessione di ‘tutto’ ci risveglia alla nostra vera natura.

Quando meditiamo noi raggiungiamo questa verità, questo sentimento di unità oltre la sofferenza. Essa è sempre presente, abbiamo semplicemente bisogno di essere capaci di accedervi. Conoscendola attraverso l’esperienza diretta, assaporiamo un profondo cambiamento nella percezione di noi stessi, del mondo e della vita. Possiamo anche chiamarla salute dell’unità. La parola salute significa appunto ‘il tutto’. La salute più profonda, perfino oltre la vita e la morte, risiede nella nostra inerente completezza, integrazione e connessione. […]

Il maestro di meditazione tailandese Ajahn Chah così descrive la felicità che possiamo ottenere attraverso la pratica della meditazione: “La vostra mente diventerà immobile in qualsiasi condizione, come uno specchio d’acqua nella foresta. Tutti i generi di animali rari e meravigliosi verranno a bere quell’acqua e voi vedrete chiaramente la natura di tutte le cose. Vedrete molte cose strane e meravigliose andare e venire, ma resterete fermi. Questa è la felicità del Buddha”. La felicità infinita del Buddha era fondata sulla chiara visione e sulla compassione, che pervadevano la sua vita in tutte le circostanze. Questa è la `quiddità’.

Tale felicità ci trasforma dentro e rivoluziona il nostro modo di vedere il mondo fuori. Infatti sparisce il concetto stesso di dentro e fuori.

Dimorare pienamente nel presente è la fonte di questa felicità. Ci apriamo all’esperienza e inevitabilmente essa ci apre agli altri. Essere veramente felici in questo mondo è un atto rivoluzionario, poiché la vera felicità dipende da una rivoluzione in noi. È un cambiamento radicale di prospettiva che ci libera, così che più sappiamo in profondità chi siamo, più possiamo conoscere la nostra enorme capacità di amare. Siamo liberati da questa verità: ciascuno di noi può prendere tempo e prestare attenzione. Possiamo essere il karmapa o quel monaco che attraversava il campo di battaglia, è nostro diritto. La nostra propria felicità può cambiare la storia.

Da: Sharon Salzberg, L’arte rivoluzionaria della gioia, Astrolabio Ubaldini, 1995.

Per approfondire:

amore

felicità

interdipendenza

letture di Sharon Salzberg

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

L'arte rivoluzionaria della gioia. Il potere della gentilezza amorevole e il sentiero verso la libertà
Autore: Sharon Salsberg
Editore: Astrolabio Ubaldini
Data pubblicazione: 7 dicembre 1995
ISBN: 978-8834011843
In sintesi: La base su cui poggia la pratica dell’arte rivoluzionaria della gioia è la consapevolezza, ossia, come la definiva Krishnamurti, l’osservazione affettuosa della mente, momento per momento. Sharon Salzberg ci parla qui della pratica della benevolenza, o gentilezza amorevole, e ci insegna passo dopo passo a svilupparla nei riguardi degli altri e naturalmente anche di noi stessi. Non èdifficile infatti che si trovino maggiori difficoltà nel dirigere un’energia affettuosa di bene proprio verso di noi. Vengono analizzati anche gli stati mentali che ostacolano la benevolenza, come l’avversione, la rabbia e l’attaccamento e ci vengono offerti strumenti utilissimi per contrastarli (dalla recensione di Macrolibrarsi).
Zen in the City consiglia caldamente questo libro.

Libri di Sharon Salzberg:

[La foto è di Ferran Jordà, Spagna]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: