Shunryu Suzuki-roshi – Ecco com’è fatta la grande mente che ci dà la calma

Ci vorrà parecchio tempo prima di trovare la serenità e la calma mentale nella vostra pratica. Vengono molte sensazioni, sorgono molti pensieri o immagini, ma non sono altro che onde della vostra mente. Nulla proviene dal di fuori di essa. Di solito pensiamo che la mente riceva impressioni ed esperienze dall’esterno, ma non è questo il vero modo d’intendere la mente. Il vero intendimento è che la mente include tutto; quando pensate che qualcosa provenga dall’esterno significa solo che qualcosa è comparso nella vostra mente. Non c’è nulla al di fuori di voi che vi dia noia. Siete voi stessi a creare onde nella vostra mente. Se lasciate la mente così com’è, diventerà calma da sola. Tale mente si chiama grande mente.

Se lasciate la mente così com’è, diventerà calma da sola. Tale mente si chiama grande menteSe la vostra mente è correlata a qualcosa di esterno a essa, si tratta di una piccola mente, una mente limitata. Se la vostra mente non è correlata a nient’altro, allora nella sua attività non sussiste più alcun modo d’intendere dualistico. Arrivate a intendere l’attività come una pura e semplice successione di onde mentali. La grande mente esperisce tutto all’interno di sé. Comprendete la differenza tra le due menti: la mente che include tutto e la mente correlata a qualcos’altro? In effetti si tratta della stessa cosa, ma il modo d’intendere è diverso, e il vostro atteggiamento nei confronti della vita sarà diverso a seconda del modo d’intendere che avete.

Il fatto che tutto sia incluso all’interno della vostra mente ne costituisce l’essenza. Sperimentare ciò significa possedere una sensibilità religiosa. Anche se sorgono delle onde, l’essenza della vostra mente è pura; è proprio come acqua chiara con un po’ di onde. In effetti l’acqua ha sempre delle onde. Le onde sono la pratica dell’acqua. Parlare di onde a prescindere dall’acqua o di acqua a prescindere dalle onde è un errore, un’illusione. Acqua e onde sono una sola cosa. Grande mente e piccola mente sono una sola cosa. Quando intendete così la mente, il vostro modo di sentire acquista sicurezza. Siccome la vostra mente non si aspetta niente dal di fuori, è sempre piena. Una mente percorsa da onde non è una mente disturbata, in realtà è una mente amplificata. Qualsiasi cosa si esperisca è un’espressione della grande mente.

Con la grande mente noi accogliamo qualsiasi esperienza ci capiti, come quando riconosciamo per nostra la faccia riflessa da uno specchio di fronte a noiL’attività della grande mente consiste nell’amplificarsi attraverso varie esperienze. Da un certo punto di vista le nostre esperienze, in successione l’una dopo l’altra, sono sempre fresche e nuove, ma da un altro punto di vista non sono altro che una continua o ripetuta manifestazione dell’unica grande mente. Per esempio, se mangiate qualcosa di buono a colazione, direte: “è buono”. ‘Buono’ è un’espressione che si riferisce a qualcosa sperimentato per la prima volta tanto tempo fa, anche se non potete ricordare esattamente quando. Con la grande mente noi accogliamo qualsiasi esperienza ci capiti come quando riconosciamo per nostra la faccia riflessa da uno specchio di fronte a noi. E naturalmente non c’è alcuna paura di perdere questa mente. Non c’è nessun posto cui andare o da cui venire; non c’è nessuna paura della morte, nessuna sofferenza a causa della vecchiaia o della malattia. Poiché gustiamo con gioia ogni aspetto della vita come una manifestazione della grande mente, non ci interessa alcuna gioia straordinaria. In questo modo abbiamo una calma imperturbabile, ed è con tale calma imperturbabile della grande mente che noi facciamo zazen.

Da: Shunryu Suzuki-roshi, “Mente zen, mente di principiante“, Astrolabio Ubaldini, 1978.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
Tratto dai discorsi che Suzuki-Roshi teneva ai propri studenti zen, questo libro è la testimonianza scritta di un grande uomo, il quale, con le sue doti umane di semplicità, dolcezza, calore e umorismo, ha saputo comunicare agli occidentali, in una lingua occidentale, l'intimo significato dello zen, collocandosi così, insieme a Watts, Krishnamurti e Trungpa, fra i protagonisti dell'incontro fra Oriente religioso e Occidente contemporaneo.
Pubblicato da: Astrolabio Ubaldini
ISBN: 978-8834002780
Disponibile in: Versione economica
[La foto è di Katrin Huth, Germania]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: