Stefano Bettera – Mangiare e parlare in modo consapevole

Georgie Pauwels, Dinner for One

Tutti trascorriamo una parte piuttosto rilevante della nostra vita seduti a tavola. Anzi, il più delle volte, mentre siamo seduti con un piatto di pasta davanti agli occhi, siamo dovunque fuorché lì. Soprattutto, preparare un pasto richiede arte, conoscenza. Come richiede arte e impegno la pratica del parlare in modo consapevole. Certo, magari a volte stiamo in un locale con gli amici a gustare una pizza fumante e ci divertiamo molto. Oppure ci ritroviamo a casa la sera e a cena raccontiamo alla nostra famiglia com’è andata la giornata. Ci liberiamo dei pensieri condividendoli con gli altri.

In molte culture il pasto e la condivisione del cibo sono ancora un momento rituale, quasi sacro in un certo senso. Basti pensare alla potenza di un’immagine come L’Ultima Cena dipinta da Leonardo Da Vinci. Sembra che ci parli senza emettere un solo suono. In tutti i tempi e in tutti i luoghi, gli esseri umani si sono raccolti insieme per mangiare e condividere le esperienze della vita. Ma oggi questo senso di liturgia, che comporta la consapevolezza di un gesto o di uno scambio, è in gran parte andato perduto. Si mangia di corsa, il più delle volte distratti, qualche volta anche davanti a un computer perché “non abbiamo tempo”. Così finiamo per ingoiare ogni boccone e insieme anche l’umore del momento. Mangiamo le nostre parole e ci disabituiamo a essere presenti.

Parlare, come mangiare, sono due funzioni irrinunciabili per tutti noi. Perché le parole, come il pane, sono il cibo con cui nutriamo il nostro corpo e le nostre relazioni. Sono ciò che conferisce significato al nostro stare nella società. Il modo in cui scegliamo le parole e con cui nutriamo il mondo va di pari passo con il modo con cui scegliamo e consumiamo il nostro cibo e aumentiamo o diminuiamo il nostro benessere. Ecco perché la consapevolezza di un linguaggio appropriato è strettamente legata al modo in cui mangiamo. Imparare a mangiare in modo consapevole è perciò un ottimo esercizio per imparare a parlare in modo consapevole.

Per approfondire:

mangiare

cibo

letture di Stefano Bettera

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

Felice come un buddha. 8 passi per condurre una vita con cura e gentilezza
Autore: Stefano Bettera
Editore: Morellini
Data pubblicazione: 25 maggio 2017
ISBN: 978-8862985239
In sintesi: Stefano Bettera è una persona che si può senz'altro definire 'buddhista'. Dunque un libro scritto da lui che parla del Buddha potrebbe essere considerato alla stregua di un'opera dottrinaria rivolta ai seguaci del suo stesso orientamento. Invece è esattamente il contrario, perché Bettera in questo bello e agevole libro racconta gli insegnamenti di Gotama (noto poi come Buddha) a beneficio di chiunque. E ci spiega come essi non richiedano affatto un'adesione religiosa o ideologica, ma costituiscano un insieme di strumenti, di cui verificare la validità in prima persona, per vivere meglio. In certi casi persino più felici. (recensione di Paolo Subioli)

[La foto è di Georgie Pauwels, Germania]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: