Thich Nhat Hanh – La retta visione è la condizione per la felicità

Percepire significa sempre percepire “qualcosa”. Noi crediamo che l’oggetto della percezione sia al di fuori del soggetto che percepisce, ma non è vero. Quando percepiamo la luna, la luna è noi stessi. Sorrido a un amico, l’amico è anche me stesso, perché è l’oggetto della mia percezione.

Le nostre percezioni portano con sé tutti gli errori generati dalla soggettivitàQuando percepiamo una montagna, la montagna è l’oggetto della nostra percezione. Quando percepiamo la luna, la luna è l’oggetto della nostra percezione. Dire: «Posso vedere la mia coscienza nel fiore» significa che nel fiore possiamo vedere la nuvola, la luce del sole, la terra e i minerali. Ma come si fa a vedere la nostra coscienza in un fiore? Il fiore è la nostra coscienza; è l’oggetto della nostra percezione. E la nostra percezione. Percepire significa percepire qualcosa. Percezione significa il venire in essere del percipiente e del percepito. Il fiore che stiamo guardando è parte della nostra coscienza. Deve essere rimossa l’idea che la nostra coscienza sia esterna al fiore: è impossibile che ci sia un soggetto senza un oggetto. È impossibile togliere l’uno conservando l’altro.

Spesso è proprio l’idea che abbiamo della felicità a impedirci di provarla davveroLa fonte della nostra percezione, il nostro modo personale di vedere le cose, si trova nella coscienza-deposito. Se dieci persone guardano una nuvola, ne avranno dieci diverse percezioni. Che vi si veda un cane, un martello o un soprabito, dipende dalla mente dell’osservatore, dalla sua tristezza, dai suoi ricordi, dalla sua rabbia. Le nostre percezioni portano con sé tutti gli errori generati dalla soggettività, quindi noi lodiamo, biasimiamo, condanniamo o protestiamo a seconda delle nostre percezioni. Ma le percezioni sono fatte delle nostre afflizioni: brama, rabbia, ignoranza, visioni distorte e pregiudizi. Essere contenti o soffrire dipende in gran parte dalle nostre percezioni. E importante osservare in profondità le nostre percezioni e conoscerne la provenienza.

Noi abbiamo una certa idea della felicità: crediamo che solo determinate condizioni ci renderanno felici. Spesso, però, è proprio l’idea della felicità a impedirci di provarla davvero. Dobbiamo guardare in profondità le nostre percezioni per liberarcene; allora ciò che era una percezione diventa comprensione risvegliata, una realizzazione del sentiero. Questa non è né una percezione né una non-percezione: è una visione chiara delle cose così come sono.

La nostra felicità e quella di coloro che ci circondano dipendono dal nostro grado di retta visione. Entrare in contatto profondo con la realtà — sapere che cosa sta succedendo dentro e fuori di noi — è la via per liberarci dalla sofferenza generata dalle percezioni erronee. La retta visione non è un’ideologia, né un sistema, né tantomeno un cammino: è la comprensione risvegliata della realtà della vita, una comprensione viva che ci riempie di chiarezza, pace e amore.

Da: Thich Nhat Hanh, Il cuore dell’insegnamento del Buddha, Neri Pozza, 2000.

Per approfondire:

osservazione profonda

percezioni

letture di Thich Nhat Hanh

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
In ognuno di noi è presente un bambino o una bambina sofferente, che versa lacrime sulle ferite del passato, impedendo loro di cicatrizzarsi. Questo libro insegna a fare pace con noi stessi. A dialogare con il bambino interiore per affrontare la vita adulta con più serenità e consapevolezza. Con gentilezza e poesia siamo sollecitati a guardare dentro di noi per scoprire come i nostri conflitti interiori siano all'origine di tensioni con noi stessi e con gli altri. E questa scoperta ci aiuta a comprendere il passato e a vivere in pace nel qui e ora, migliorando il nostro quotidiano e la qualità delle nostre relazioni.
Pubblicato da: Terra Nuova Edizioni
ISBN: 978-8888819853
Disponibile in: Versione economica
[La foto è di Lulu Lovering, Stati Uniti]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: