Thich Nhat Hanh – Redenzione e Resurrezione sono la nostra pratica quotidiana

Se sei distratto, il corpo e la mente non sono insieme, se sei perso nel futuro oppure nel passato, non stai vivendo. Ma quando tocchi il seme della consapevolezza che c’è in te, improvvisamente diventi vivo, corpo e spirito insieme e nasci di nuovo. Gesù nasce di nuovo, il Buddha nasce di nuovo!

Quando senti la campana della meditazione smetti di pensare, smetti di parlare e lascia che la campana ti liberi e ti riporti alla tua vera casa, dove sono vivi lo Spirito Santo e la Consapevolezza. Ecco allora che rinasci, grazie al sangha che ti circonda, rinasci più volte al giorno. Questa è una pratica di Resurrezione. Noi moriamo molte volte al giorno, ci perdiamo molte volte al giorno e, grazie al sangha e alla pratica, ritorniamo anche in vita molte volte al giorno. Senza la pratica, invece, se perdi la vita ogni ogni giorno, non hai la possibilità di rinascere.

Redenzione e Resurrezione non sono né parole né oggetti di fede. Sono la nostra pratica quotidiana. E noi pratichiamo affinché il Buddha nasca ogni momento della nostra vita; affinché Gesù Cristo nasca ogni momento della nostra vita e non soltanto a Natale o Pasqua. Ogni giorno, ogni minuto il bambino che è in noi, aspetta di nascere di continuo per noi!

Da: Thich Nhat Hanh, “La luce del Dharma. Dialogo tra cristianesimo e buddhismo“, Oscar Mondadori, 2003.

Per approfondire:

consapevolezza

resurrezione

Gesù

Buddha

sangha

letture di Thich Nhat Hanh

[Ringraziamenti: a Paolo Giammarroni, per aver condiviso questo brano il giorno di Pasqua 2017] [L’immagine è un dipinto del 1898 di Eugene Burnand (1850 – 1921) che rappresenta i discepoli Pietro e Giovanni che corrono al sepolcro la mattina della resurrezione. La foto del dipinto è di Sharon Mollerus]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: