Thich Nhat Hanh – Sto soffrendo. Per favore, aiutami

Il quarto “mantra della parola amorevole” è difficile specialmente per quelli fra noi che sono molto orgogliosi. Lo usiamo quando soffriamo e pensiamo che l’altra persona sia la causa della nostra sofferenza. È una cosa che accade, di tanto in tanto. Se fosse stato qualcuno di cui non ti importa molto a dire o fare ciò che ti ha ferito, avresti sofferto meno. Ma quando qualcuno che ami fa un commento che avverti come critico o sprezzante, la tua sofferenza è profonda. Se soffriamo e non guardiamo la nostra sofferenza in profondità e non troviamo la compassione per noi stessi e per l’altra persona, potremmo avere desiderio di punire chi ci ha ferito perché ha osato farci soffrire. Quando soffriamo, pensiamo che sia colpa dell’altra persona che non ci apprezza o non ci ama abbastanza.

Molti di noi hanno la tendenza naturale a voler punire l’altro. Uno dei modi in cui pensiamo di punire l’altra persona è mostrandole che possiamo vivere senza di lei. Molti di noi hanno fatto questo errore, e io stesso con gli altri. Ma poi si impara. Vogliamo mostrare all’altra persona che senza di lui o senza di lei possiamo sopravvivere molto bene. È un modo indiretto per dire: «Non ho bisogno di te», ma questo non è vero: di fatto, quando soffriamo abbiamo bisogno degli altri.

Quando soffriamo, dovremmo dire agli altri che stiamo soffrendo e che abbiamo bisogno del loro aiuto. Di solito facciamo l’opposto: non vogliamo andare a chiedere aiuto. Ecco perché abbiamo bisogno del quarto mantra:

«Sto soffrendo. Per favore, aiutami».

È così semplice, ed è anche in parte difficile, ma se riuscirai a pronunciarlo, immediatamente soffrirai di meno: te lo garantisco. Perciò ti prego: scrivi questa frase su un pezzo di carta delle dimensioni di una carta di credito e mettila nel portafoglio. È una formula magica: «Sto soffrendo. Per favore, aiutami».

Se non pratichi questo mantra, forse ora starai tenendo il broncio; se gli altri notano che c’è qualcosa che non va, che forse stai soffrendo, probabilmente cercheranno di consolarti domandando: «Stai soffrendo?». Se qualcuno ti rivolge questa domanda, potresti essere portato a rispondere: «Soffrire? Perché dovrei soffrire?». Tu sai che non è la verità: soffri profondamente, eppure fingi che non sia così. Hai detto una bugia per punire l’altra persona. Se lui o lei cerca di venirti vicino e di metterti una mano sulla spalla, forse avrai voglia di sbottare: «Lasciami in pace. Posso sopravvivere molto bene senza di te». Molti di noi commettono questo tipo di errore, ma si può imparare.

Praticando il mantra, farai la cosa opposta: dovrai ammettere di soffrire. Il mantra può essere anche un po’ più lungo, se suona più adatto alla situazione: «Soffro. Desidero che tu lo sappia. Non capisco perché hai fatto o detto così. Perciò ti prego, spiegami. Ho bisogno del tuo aiuto». Questo è vero amore. Dire: «Non soffro. Non ho bisogno del tuo aiuto» non è il linguaggio del vero amore.

La prossima volta che soffrirai, e penserai che sia per colpa dell’altra persona e che sia lei la causa della tua sofferenza, ricorda di prendere dal portafoglio il pezzo di carta e di leggerlo, e saprai esattamente cosa fare: praticare il quarto mantra.

Secondo la pratica che adottiamo al Plum Village, hai il diritto di soffrire per ventiquattr’ore, ma non di più. C’è un termine massimo di ventiquattr’ore, e si deve praticare il quarto mantra prima di questa scadenza. Hai il telefono, e hai il computer: sono sicuro che quando riuscirai a scriverlo, soffrirai subito di meno. Se non avrai la calma sufficiente a praticare il quarto mantra entro ventiquattr’ore, potrai scriverlo su un pezzo di carta e lasciarlo sulla scrivania dell’altra persona oppure ovunque sia ben visibile.

Da: Thich Nhat Hanh, L’arte di comunicare, Bis Edizioni, 2014.

Per approfondire:

sofferenza

parola amorevole

rapporti

letture di Thich Nhat Hanh

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
C'è un detto in vietnamita 'Non costa nulla avere la parola amorevole. Abbiamo solo bisogno di scegliere con attenzione le nostre parole e possiamo fare felici gli altri'
Pubblicato da: Bis Edizioni
ISBN: 978-8862282932
Disponibile in: Versione economica
[L’immagine è un’elaborazione da una foto di Chiara Vitellozzi, Italia]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: