Meditazione sulla morte, col sorriso sulle labbra

La meditazione sulla morte non è necessariamente una pratica triste, anzi. Meditare sulla morte serve proprio a darle l’importanza che essa merita, la quale è minore di quella che di solito le si attribuisce. Perciò lo faremo col sorriso sulle labbra.

La meditazione sulla morte è inseparabile da quella sulla vita, perché morte e vita sono così strettamente intrecciate e sovrapposte, che a volte è difficile distinguerle. Morte e vita convivono in ogni istante e in ogni luogo, a cominciare dal nostro corpo.

Ma non vogliamo fare teoria, solo praticare, e praticando scoprire la verità dentro di noi direttamente. Come avrete modo di provare in prima persona, se vi presterete a seguire questi consigli, la dimensione della morte fa già parte di ogni esperienza che viviamo, bisogna solo osservarla. In tal modo è anche possibile scoprire che non fa per niente paura.

La questione è seria, perché la paura della morte è un problema enorme. Non ne parliamo mai, ma è sempre presente in forma strisciante: essa prospera indisturbata in un angolo della nostra mente. E così questa paura inespressa si manifesta in ogni momento e in ogni forma, impedendoci di godere la vita.

Come fare

Per meditare sulla morte, anzi sulla coesistenza della vita e della morte, possiamo partire da un’osservazione molto semplice. Il nostro corpo è costituito da miliardi di cellule, che muoiono e rinascono continuamente. Noi siamo fatti di quello e dunque la nascita e della morte sono compresenti in noi e inseparabili, come i due lati di un foglio di carta.

Un maestro come Thich Nhat Hanh lo dice molto chiaramente in questo breve video (ti consiglio di guardarlo dopo aver letto l’articolo). Nascita e morte sono inseparabili. La morte e rinascita continua delle cellule – che sta succedendo proprio qui e ora – sta a dimostrarcelo. Stiamo nascendo ad ogni istante e stiamo morendo ad ogni istante. Questo possiamo vederlo da soli.

Ma se le cellule possono apparire qualcosa di conoscibile solo per via astratta, proviamo a concentrarci sul respiro.

Per intraprendere un respiro, dobbiamo prima inspirare. Questa ispirazione è qualcosa che ci porta la vita, lo percepiamo chiaramente. Infatti con l’inspirazione l’ossigeno entra in circolazione nel sangue per nutrire ogni cellula. Ma l’inspirazione non dura, finisce subito. Appena riusciamo a godere di questo alito vitale, non possiamo trattenerlo. Ecco la compresenza di vita e morte.

Espirando lasciamo andare completamente. È una piccola esperienza di morte. Ne abbiamo già parlato citando Jon Kabat-Zinn in termini di “morire interiormente rispetto alle preoccupazioni abituali e alle ossessioni della mente.

Inspirare ed espirare, ovvero nascere e morire di continuo. Accogliere con un sorriso l’alito rigenerante della vita e poi essere disposti a lasciarlo andare subito dopo, godendone l’effetto rilassante, con un sorriso altrettanto sincero. Se riusciamo a vedere la compresenza della vita e della morte nel nostro respiro, nulla può più farci paura.

Provatelo direttamente, seduti in meditazione.

Per approfondire:

morte

non nascita e non morte

cellule

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!

Libri sulla morte:

[La foto è di Jessica, Stati Uniti]

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: