Eric Baret – La definizione di silenzio

definizione di silenzio

La definizione di silenzio, secondo Eric Baret, non va cercata tramite il pensiero o la riflessione, ma in un’apertura che si affida alle nostre capacità sensoriali, al di là delle parole e dei concetti.

Qual è la definizione di silenzio?

Non si può dire che cos’è il silenzio. Ma si può dire che il silenzio è ciò che vogliamo profondamente, ciò di cui abbiamo nostalgia.

Il nostro tentativo di ottenere questo o quello, non è, di fatto, che una nostalgia di questo silenzio.

Pubblicità

Tutti i desideri sono una nostalgia dell’assenza di desiderio.

Su di un piano relativo, il silenzio mentale non è che un riflesso del vero silenzio. La mente può essere attiva e il vero silenzio vissuto; la mente può essere silenziosa ed il vero silenzio essere sconosciuto. Il silenzio mentale, il silenzio del mondo non è qualcosa che si debba ricercare.

Come una porta, il silenzio mentale si apre su qualcosa, ma non è la porta che si cerca.

Quello su cui si apre, non è una donna, né un’auto rossa, e nemmeno il silenzio o la gioia: non ci sono parole!

Non proviene né dall’inattività né dall’attività mentale, ma è un presentimento che si riflette in una mente tranquilla. La mente tranquilla non crea il silenzio, vi si rende disponibile, e l’estasi che riceve dalla sua identità la riempie più di ogni altro oggetto.

Poiché è difficile presentire questo riflesso in una mente agitata, si può dire in certi momenti che è appropriato lasciare che il corpo e la mente diventino disponibili. Non è necessario, ma può imporsi senza che alcuna intenzione di appropriazione partecipi a questo studio della disponibilità corporea e mentale.

La poesia conduce a questo silenzio. La musica, l’architettura, il teatro portano ad esso più di ogni spiegazione, di ogni discorso o di ogni affermazione.

La sensorialità è ciò che va più profondamente nel presentimento del silenzio. Il canto, le grida dei coyotes in Nuovo Messico, il suono di un serpente che scivola sulla sabbia, la visione di una pietra o di una spazzatura condurranno sempre più direttamente al silenzio di quanto potrà mai farlo una qualunque riflessione.

Non c’è che apertura. Una discussione non può portare al silenzio. Può portare, come faceva Socrate, a vedere i limiti della mente. Quando la mente vede i suoi limiti, diventa funzione.

Ogni comprensione non può che essere un riferimento a ciò che già la persona conosce. Poco a poco, la mente perde la sua pretesa di capire ciò che la oltrepassa.

Ci si rende conto che non si può pensare un essere umano, non si può pensare la verità, non si può pensare la gioia, non si può pensare un filo d’erba. Non si può pensare niente, non si può che proiettare. La mente allora perde la sua pretesa e diventa uno strumento, come le gambe.

Quando avete bisogno di separare vi servite del pensiero.

Ma non utilizzate la mente per la ricerca della verità. Ecco il segno di una vera intelligenza: non utilizzare il pensiero se non quando è necessario. La ricerca della verità non ha alcun legame con la riflessione.

Il pensiero non ha che il compito di mostrarvi i suoi limiti.

Da: Eric Baret, “L’unico desiderio. Nella nudità dei tantra“, Edizioni La Parola, 2010.

[La foto sulla definizione di silenzio è di João Jesus, Portogallo]

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità