Eckhart Tolle – Il momento presente è tutto ciò che avete

momento presente

La maggior parte del dolore umano è superflua. Si crea da sé fintanto che a gestire la vostra vita è la mente non osservata.

Il dolore che voi create adesso è sempre qualche forma di non accettazione, qualche forma di resistenza inconsapevole a ciò che esiste. A livello del pensiero, la resistenza è una qualche forma di giudizio. A livello emozionale, è una qualche forma di negatività. L’intensità del dolore dipende dal grado di resistenza al momento presente, e questo a sua volta dipende dalla forza con cui vi identificate con la vostra mente. La mente cerca sempre di negare l’adesso e di sfuggirlo. In altri termini, più voi vi identificate con la vostra mente, più soffrite. Oppure possiamo metterla così: più siete in grado di onorare e di accettare l’Adesso, più siete liberi dal dolore, dalla sofferenza, nonché liberi dalla mente egoica.

Perché la mente abitualmente nega l’Adesso o vi oppone resistenza? Perché non può funzionare e mantenere una posizione dominante senza il tempo, che significa passato e futuro, per cui percepisce l’Adesso senza tempo come qualcosa di minaccioso. Tempo e mente sono in effetti inseparabili.

Immaginate la Terra priva di vita umana, abitata soltanto da piante e animali. Avrebbe ancora un passato e un futuro? Potreste ancora parlare di tempo in modo significativo? Le domande «che ora è?» o «che giorno è oggi?» (se ci fosse qualcuno a formularle) sarebbero del tutto prive di senso. La quercia o l’aquila sarebbero stupefatte da simili domande. «Che ora?» direbbero. «Be’, naturalmente, è adesso. L’ora è adesso. Che altro esiste?»

Sì, avete bisogno della mente e del tempo per agire in questo mondo, ma arriva un punto in cui essi si impadroniscono della nostra vita, ed è qui che hanno inizio la disfunzione, il dolore fisico e quello morale.

La mente, per assicurarsi di avere il controllo, cerca in continuazione di nascondere il momento presente sotto il passato e il futuro, e allora, a mano a mano che la vitalità e l’infinita potenzialità creativa dell’Essere, che è inseparabile dall’Adesso, vengono nascoste dal tempo, la nostra vera natura viene oscurata dalla mente. Nella mente umana si è accumulato un fardello di tempo sempre più pesante. Tutte le persone soffrono nel portare questo carico, ma continuano a incrementarlo in ogni momento in cui ignorano o negano quel momento prezioso o lo riducono a un mezzo per raggiungere qualche momento futuro, che esiste soltanto nella mente, mai nella realtà. L’accumulo del tempo nella mente umana individuale e collettiva racchiude inoltre una grande quantità di dolore residuo proveniente dal passato.

Se non volete più creare dolore per voi stessi e per gli altri, se non volete più incrementare il residuo di dolore passato che ancora vive in voi, allora non dovete creare altro tempo, o almeno non più di quanto sia necessario per affrontare gli aspetti pratici della vita. Come si fa a smettere di creare il tempo? Bisogna capire in profondità che il momento presente è tutto ciò che avete, rendere l’Adesso il fulcro principale della vostra vita. Mentre prima vi soffermavate nel tempo e compivate brevi visite nell’Adesso, ora dovete dimorare nell’Adesso e compiere brevi visite nel passato e nel futuro quando sono necessarie per affrontare gli aspetti pratici della vostra attuale situazione di vita. Dovete sempre dire di sì al momento presente. Che cosa potrebbe essere più futile e più folle che creare resistenza interiore a qualcosa che già esiste? Che cosa potrebbe essere più folle che opporsi alla vita stessa, che è adesso e sempre adesso? Abbandonatevi a ciò che esiste. Dite di sì alla vita, e vedrete come la vita all’improvviso comincerà a lavorare per voi anziché contro di voi.

Da: Eckhart Tolle, “Il potere di Adesso: Una guida all’illuminazione spirituale“, My Life, 2013.

Il potere di adesso. Una guida all’illuminazione spirituale

Eckhart Tolle, Il potere di Adesso
Per intraprendere il viaggio nel potere di Adesso abbiamo bisogno di lasciare da parte la nostra mente ed il falso sé che questa ha creato: l'ego. Sebbene il viaggio sia pieno di sfide, Eckhart Tolle ci guida con un linguaggio semplice. Per molti di noi, lungo la via, vi sono nuove scoperte da fare: noi non siamo la nostra mente. Possiamo trovare l'uscita dal dolore psicologico. L'autentico potere umano si trova arrendendosi all'Adesso.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Bruce Mars, Malta]