Eckhart Tolle – Quando vogliamo avere ragione in una discussione, è perché abbiamo paura di morire

voler avere ragione

Voler avere ragione è un atteggiamento comune, quando siamo impegnato in una discussione, ma per Eckhart Tolle nasconde solo la nostra paura di morire.

La paura sembra avere molte cause. Paura della perdita, paura del fallimento, paura di essere offesi e così via, ma in definitiva ogni paura è la paura che l’ego ha della morte, dell’annullamento. Per l’ego, la morte è sempre dietro l’angolo. In questo stato identificato con la mente, la paura della morte influenza ogni aspetto della vita. Per esempio, anche una cosa apparentemente banale e «normale» come il bisogno compulsivo di avere ragione in un litigio e dimostrare che l’altra persona ha torto (difendendo la posizione mentale con cui ci si è identificati) è dovuta alla paura della morte. Se voi vi identificate con una posizione mentale, allora se avete torto il vostro senso del sé basato sulla mente viene seriamente minacciato di annullamento. Per questo il vostro ego non può permettersi di avere torto. Avere torto significa, morire. Su questo si sono combattute guerre e si sono rotti innumerevoli rapporti personali.

Una volta che avete eliminato l’identificazione con la mente, il fatto di avere ragione o torto non fa alcuna differenza per il vostro senso del sé, per cui il bisogno compulsivo e profondamente inconsapevole di avere ragione, che è una forma di violenza, non esisterà più. Potete affermare chiaramente e con fermezza ciò che pensate o ciò di cui siete convinti, ma non vi sarà in questo alcuna difesa o aggressività. Il vostro senso del sé proverrà allora da un luogo più profondo e più vero dentro di voi, non dalla mente. State attenti ad ogni senso di difesa dentro di voi. Che cosa state difendendo? Un’identità illusoria, un’immagine nella vostra mente, un’entità fittizia. Rendendo consapevole questo schema, essendone testimoni, eliminate la vostra identificazione con esso. Alla luce della vostra consapevolezza, lo schema inconsapevole allora si dissolverà rapidamente. Questa è la fine di tutti i litigi e giochi di potere, che sono tanto corrosivi per i rapporti personali. Il potere sugli altri è debolezza mascherata da forza. Il vero potere è interiore ed è disponibile a ciascuno di voi ora.

Da: Eckhart Tolle, “Il potere di Adesso: Una guida all’illuminazione spirituale“, My Life, 2013.

Il potere di adesso. Una guida all’illuminazione spirituale

Eckhart Tolle, Il potere di Adesso
Per intraprendere il viaggio nel potere di Adesso abbiamo bisogno di lasciare da parte la nostra mente ed il falso sé che questa ha creato: l'ego. Sebbene il viaggio sia pieno di sfide, Eckhart Tolle ci guida con un linguaggio semplice. Per molti di noi, lungo la via, vi sono nuove scoperte da fare: noi non siamo la nostra mente. Possiamo trovare l'uscita dal dolore psicologico. L'autentico potere umano si trova arrendendosi all'Adesso.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di fauxels]