Jeff Foster – Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero

non voglio che tu sia perfetto

Non voglio sentire ciò che credi
Non sono interessato alle tue certezze
Non può fregarmene di meno della tua perfezione

Dividi con me i tuoi dubbi
Apri il tuo cuore tenero
Lasciami entrare nelle tue fatiche

Ti incontrerò in quel luogo
Dove le conclusioni spirituali
Si spezzeranno

Pubblicità

Ecco dove la creatività giace
Ecco dove la novità risplende
Ecco dove possiamo davvero incontrarci:
oltre l’immagine

Le tue imperfezioni
sono così perfette
in questa luce

Non voglio che tu sia perfetto
voglio che tu sia vero.

Da: Jeff Foster, “Falling In Love With Where You Are“, Non-Duality Press, 2013.

Per approfondire:

perfezione

Jeff Foster – Testi scelti in italiano e libri

Le più belle poesie sulla meditazione e su argomenti che le somigliano parecchio

Il risveglio spirituale nella vita quotidiana

Jeff Foster, Il risveglio spirituale nella vita quotidiana
Come si fa a smettere di scappare dal "disordine della vita" ? Dalle nostre convinzioni? Dalle nostre frustrazioni? A smettere di annaspare nella continua ricerca della felicità? Semplicemente fluendo con tutto questo. Il libro parla di come ritrovare la totalità della vita, ora, non domani, non "un giorno" ma in questo momento, nel bel mezzo dell'esperienza presente. Di come ritrovare chi sei veramente, lasciando andare la falsa immagine che ci siamo costruiti di noi stessi.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di cottonbro, Russia]

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Silvio Anselmo – Il bruco

Bruca bruca la foglia delle tue necessità: finché sei bruco quella è la tua fatalità. Ma se ti apri al mistero che hai in cuore la farfalla che è in te aprirà le ali e volerà verso un destino di...

Silvio Anselmo – La danza del rallentare

Se tu rallenti rallenti il tuo agire in quelle lente movenze ti sentirai danzare la vita – non più schiacciato dal condizionamento, dalla necessità, automatizzato- e darai significato e gusto a ogni più minuto ricciolo di realtà. In quella lentezza...

Josè Saramago – Com’è fondo il silenzio

Com’è fondo il silenzio tra le stelle. Non un suono di parola si propaga, né cinguettio di favolosi uccelli. Ma là tra quelle stelle, dove siam un astro ricreato, là si sente quell’intimo rumore che apre le rose.   Da:...

Silvio Anselmo – Il vuoto

Sul terrazzo mi muovo, senza scopo mi muovo. Sto bene. Son solo. Son vuoto. Però sottile sottile un’ansia è in me. Perché? Non faccio…Ma penso. E sento quel vuoto di senso. Se faccio, non penso e il vuoto si vuota...

Pubblicità