Jeff Foster – Questa danza imperfetta

Jeff Foster - Questa danza imperfetta

Non abbiamo mai fatto la prova generale per questo
siamo un disastro
Noi tremiamo e sudiamo
Ci pestiamo i piedi l’un l’altro
A volte andiamo fuori tempo
E dimentichiamo i nostri passi e le nostre file
Ma almeno questo è reale
Almeno non siamo vivi a metà
Seppelliti sotto il peso di qualche immagine
Noi non lo abbiamo mai pensato
Preferirò sempre questa danza imperfetta
piuttosto che nessuna danza.

Tratto da: Jeff Foster in italiano.

Per approfondire:

Pubblicità

imperfezione

danza della vita

Jeff Foster – Testi scelti in italiano e libri

Il risveglio spirituale nella vita quotidiana

Jeff Foster, Il risveglio spirituale nella vita quotidiana
Come si fa a smettere di scappare dal "disordine della vita" ? Dalle nostre convinzioni? Dalle nostre frustrazioni? A smettere di annaspare nella continua ricerca della felicità? Semplicemente fluendo con tutto questo. Il libro parla di come ritrovare la totalità della vita, ora, non domani, non "un giorno" ma in questo momento, nel bel mezzo dell'esperienza presente. Di come ritrovare chi sei veramente, lasciando andare la falsa immagine che ci siamo costruiti di noi stessi.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Brendan Lally, Canada]

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Kabir – Difficoltà (una delle più belle poesie del grande mistico e poeta indiano)

Tra le poesie di Kabir, “Difficoltà” è una di quelle che con più chiarezza esprime il paradosso del percorso spirituale: l’impossibilità per una mente guidate dall’io di liberare se stessa.

Silvio Anselmo – Comunione

Ti fiocca in cuore un emozione, un sentimento, senza oggetto, vago; senti che palpiti col reale, che sia pioggia, sole o vento non fa differenza: è una questione d’amorosa comunione. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Joseph Bruchac – Il Nonno di Zampa d’Uccello

Joseph Bruchac in questa poesia fa leva sulla sensibilità “biocentrica” della tradizione indigena americana per offrire un ritratto perfetto dell’uomo compassionevole, simile al “bodhisattva” della tradizione buddhista.

Thich Nhat Hanh – Contemplazione del non andare e non venire

Una poesia del grande maestro zen che ci offre una visione della morte leggera e persino divertente.

Mary Oliver – Giorno d’Estate

Mary Oliver, in “Giorno d’estate” esprime uno stupore incantato di fronte alla bellezza della vita che somiglia a una preghiera, ma è solo l’esortazione a goderci ciò che abbiamo finché possiamo farlo.

Jon Kabat-Zinn – Cosa significa sdegno? Un modo poco saggio di reagire

Cosa significa sdegno? per Jon Kabat-Zinn è un modo poco saggio di reagire agli avvenimenti, che crea un’inutile separazione tra noi stessi e gli altri.

Thich Nhat Hanh – Le lacrime che ho versato ieri sono diventate pioggia

‘Le lacrime che ho versato ieri sono diventate pioggia’: il verso di Thich Nhat Hanh esprime in poche parole la profondità della visione non dualista dello Zen, che ci permette di vedere la bellezza anche dove c’è la disperazione.

Silvio Anselmo – Potere

Accettare l’impotenza nel confronto con le cose mi dà un potere inaspettato: così non mi sento più sigillato e il cuore canta e fluisce con tutto ciò che accade in gioiosa libertà. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito –...

Silvio Anselmo – La speranza

Questa poesia svela la dimensione della speranza come qualcosa che non nasce da una fede cieca, ma che va coltivato interiormente.

Silvio Anselmo – La parola

La parola pur fascinosa non può cogliere in pieno il volto segreto della realtà; lo può sfiorare e dar aria al cuore ma conserverà le stimmate dell’illusione e un sentire nel profondo di inestirpabile frustrazione.   Da: Silvio Anselmo, “Il...

Silvio Anselmo – Morire

Morire è una Poesia di Anselmo che affronta, con la sua consueta serenità divertita, un argomento che siamo abituati a considerare lugubre.

Martha Postlethwaite – Radura (Clearing)

Martha Postlethwaite in questa poesia rappresenta con estrema chiarezza e profondità il disagio di chi si sente impotente di fronte alla sofferenza del mondo, esortando a rivolgere lo sguardo alle proprie risorse interiori.

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità