Jeff Foster – Questa danza imperfetta

Jeff Foster - Questa danza imperfetta

Non abbiamo mai fatto la prova generale per questo
siamo un disastro
Noi tremiamo e sudiamo
Ci pestiamo i piedi l’un l’altro
A volte andiamo fuori tempo
E dimentichiamo i nostri passi e le nostre file
Ma almeno questo è reale
Almeno non siamo vivi a metà
Seppelliti sotto il peso di qualche immagine
Noi non lo abbiamo mai pensato
Preferirò sempre questa danza imperfetta
piuttosto che nessuna danza.

Tratto da: Jeff Foster in italiano.

Per approfondire:

Pubblicità

imperfezione

danza della vita

Jeff Foster – Testi scelti in italiano e libri

Il risveglio spirituale nella vita quotidiana

Jeff Foster, Il risveglio spirituale nella vita quotidiana
Come si fa a smettere di scappare dal "disordine della vita" ? Dalle nostre convinzioni? Dalle nostre frustrazioni? A smettere di annaspare nella continua ricerca della felicità? Semplicemente fluendo con tutto questo. Il libro parla di come ritrovare la totalità della vita, ora, non domani, non "un giorno" ma in questo momento, nel bel mezzo dell'esperienza presente. Di come ritrovare chi sei veramente, lasciando andare la falsa immagine che ci siamo costruiti di noi stessi.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Brendan Lally, Canada]

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Chandra Livia Candiani – Non voglio essere migliore

Non voglio diventare migliore, voglio sorridere al mio peggio. Non voglio essere un’altra, voglio adottarmi tutta intera.

Silvio Anselmo – Silenzio mentale

Nel silenzio mentale lo spazio profondo dell’interiorità rivela una presenza che consola misteriosamente la bramosia di senso e la precarietà esistenziale. In quel silenzio una pace una pienezza unificata.   Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Naomi Shihab Nye – Gentilezza

Naomi Shihab Nye parla della Gentilezza, in questa poesia, evitando di esaltarla come virtù senza averne evidenziato il presupposto necessario: la nostra capacità di vedere il dolore e imparare ad affrontarlo.

Emily Dickinson – La mente è più vasta del cielo

La poesia di Emily Dickinson “La mente è più grande del cielo” esalta le possibilità potenzialmente infinite e per lo più misconosciute della mente umana, avvicinandosi al concetto buddhista di “Grande Mente”.

Pablo Neruda – Silenzio

Silenzio di Pablo Neruda è una poesia che, esaltando il valore del silenzio e del non fare niente, ci invita ad assumere un nuovo punto di vista per osservare la vita, sospendendo la nostra smania di fare.

Silvio Anselmo – Fiducia

In questa poesia Silvio Anselmo esprime il carattere apparentemente irragionevole, ma assolutamente necessario, della fiducia.

Kabir – Difficoltà (una delle più belle poesie del grande mistico e poeta indiano)

Tra le poesie di Kabir, “Difficoltà” è una di quelle che con più chiarezza esprime il paradosso del percorso spirituale: l’impossibilità per una mente guidate dall’io di liberare se stessa.

Silvano Agosti – Quello che sai di me non sono io

Silvano Agosti in questa poesia celebra la consapevolezza di non sapere, una postura mentale che consente di penetrare la vera realtà delle cose nel modo più profondo possibile.

Josè Saramago – Com’è fondo il silenzio

Com’è fondo il silenzio tra le stelle. Non un suono di parola si propaga, né cinguettio di favolosi uccelli. Ma là tra quelle stelle, dove siam un astro ricreato, là si sente quell’intimo rumore che apre le rose.   Da:...

Charlie Chaplin – Quando ho cominciato ad amarmi

Quando ho cominciato ad amarmi è una poesia attribuita a Charlie Chaplin che riesce a toccare nel profondo ciascuno di noi

Robert Frost – La strada non presa

La poesia “La strada non presa” di Robert Frost è particolarmente amata da chi pratica la meditazione, perché esprime in modo suggestivo la condizione di chi intraprende un cammino privo di sicurezza e ricco di possibilità come quello della pratica.

Charles Bukowski – Il cuore che ride

Il cuore che ride di Bukowski è un inno all’ottimismo e un invito a non lasciarsi travolgere dalle avversità della vita. Per riuscirci, dobbiamo riconoscere la meraviglia che già siamo.

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità