La civiltà ha un limite: 30 Km orari

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Davjdek ha detto:

    Parole sante! Aggiungo che la bicicletta ci insegna, oltre al valore della lentezza, anche il contatto con l’ambiente, con l’aria, con il nostro respiro e il nostro corpo, con le altre persone: contatto che l’automobile tende a cancellare, isolando il corpo e la mente dell’autista e dei passeggeri dall’ambiente e favorendo quindi l’egoismo.

  2. Ilaria Inbici ha detto:

    Grazie dell’articolo! solo un ma… con la bici si riescono a fare molte piu cose ed in realtà negli spostamenti urbani risulta relativamente piu veloce rispetto all’automobile. Considerando che a Roma la velocità media è di 16 km all’ora.Ecco viaggiare a bassa velocità rispettando i principi di efficienza e di equità! Insomma la bici batte l’auto e lo scooter negli spostamenti fino a sette chilometri! 😉 Daje co ste bici!

  3. Cicleppe ha detto:

    Quoto Ilaria e rilancio: a Roma il traffico è spesso così congestionato da rendere la bici il mezzo più veloce su qualsiasi distanza e contro qualsiasi mezzo di trasporto, specie al centro. E non parlo solo del Trofeo Tartaruga, ma di esperienza personal in tutte le condizioni (si, sono riuscito ad arrivare prima anche di notte con le strade deserte).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: