Toni Packer – Come fare esperienza di tutto senza bisogno di diventare niente

Dove siamo in questo preciso momento? Che cosa siamo? Riusciamo a osservare spassionatamente tutti questi stati, i sentimenti e le emozioni che cambiano di continuo, senza impossessarci di nessuno di essi né disconoscerne alcuno?

[pullquote-left]La pura consapevolezza è l’essenza di ciò che siamo veramente[/pullquote-left]La pura consapevolezza è l’essenza di ciò che siamo veramente. Noi non siamo i diversi stati, i sentimenti, gli umori e le passioni che si avvicendano. Quando il pensiero non si identifica con nessuno di essi, questi sentimenti, stati, umori, passioni vanno e vengono rapidamente, come una nuvola passeggera, senza lasciare traccia.

Essere qui, ora, è semplicemente vedere, semplicemente ascoltare, fare esperienza di tutto senza bisogno di diventare niente. Ascoltare tutto senza essere uno che ascolta.

Perché sembra tanto difficile? Siamo così profondamente programmati a immaginarci come ‘colui che fa l’esperienza’! Come la `vittima’ di tutti questi stati passeggeri del corpo-mente! Non sappiamo nient’altro, o per lo meno pensiamo di non saperlo. Ma la consapevolezza è qui. Essere semplicemente qui è semplice, no? Siamo presenti in questo preciso momento, non è così? Dove altro potremmo essere se non qui? Non è semplice?

[pullquote-right]Non siamo separati dalla consapevolezza. Niente è separato. La consapevolezza è tutto[/pullquote-right]Una persona non è questo o quello: questo o quello è qualcosa di diverso, che viene aggiunto dal pensiero. Non bisogna lasciarsi prendere nella pania delle cose superflue. L’unica cosa che conta è fare esperienza della purezza dell’essere. Risvegliatevi. Il cuore che batte, la voce che risuona, le gambe che dolgono, il respiro che va e viene, dentro, fuori, dentro, fuori, il corpo che si muove impercettibilmente con il respiro. Un elicottero che ronza. E tutto qui. Direttamente, immediatamente qui. Non siamo separati dalla consapevolezza. Niente è separato. La consapevolezza è tutto.

Da: Toni Packer, “La luce della scoperta“, Astrolabio Ubaldini, 2000

Per approfondire:

consapevolezza

vedere direttamente

letture di Toni Packer

La luce della scoperta

Toni Packer, La luce della scoperta
Author:
Genre:
N. pagine: 144
Toni Packer offre una critica radicale di qualsiasi definizione e descrizione, del mondo, di sé stessi, dell’insegnamento, della pratica spirituale. Sembra un paradosso ma, ascoltandolo con attenzione, si vede invece come sia ben calato nella realtà, un invito chiaro a guardare in profondità le cose, a non fermarsi alla superficie, a indagare e conoscere la propria mente, a compiere delle scelte, e a trovare infine la propria strada e mai quella di qualcun altro.

Paolo Subioli

È un libro ricchissimo di spunti di riflessione, grazie alla visione inconsueta che Toni Packer è in grado di offrire. Inconsueta ma molto costruttiva..

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Silvia Di Natale, Italia]