Walpola Rahula – Vivere il momento presente è vivere

vivere il momento presente

Vivere il momento presente è la pratica indispensabile per chi desidera una vita felice, dice Walpola Rahula, senza rammaricarsi per il passato, né preoccuparsi per il futuro.

La pratica di vivere il momento presente

Una forma di « meditazione » (sviluppo mentale) molto importante, pratica e utile, consiste nell’essere attenti e consapevoli di qualsiasi cosa si faccia, fisicamente o verbalmente, durante la routine quotidiana della vostra vita privata, pubblica o professionale. Sia quando camminate, state in piedi, sedete, giacete o dormite, sia quando distendete o piegate gli arti, o quando vi guardate intorno, o indossate gli abiti, sia quando parlate che quando state zitti, sia quando mangiate o bevete, persino quando espletate i bisogni naturali — in queste e in altre attività dovreste essere pienamente attenti e consapevoli dell’azione che state compiendo in quel momento. Questo vuol dire che dovreste vivere nel momento presente, nell’azione presente. Ciò non significa che non dovete pensare affatto al passato o al futuro. Al contrario, pensateli in relazione al momento presente, all’azione presente, quando e dove è pertinente.

Le persone in genere non vivono nelle loro azioni, nel momento presente. Vivono nel passato o nel futuro. Anche se sembra che stiano facendo qualcosa qui, in questo momento, sono altrove, nei loro pensieri, nei loro problemi immaginari e nelle loro preoccupazioni, perdute nel ricordo del passato o nei desideri e aspettative per il futuro. Quindi non vivono in ciò che fanno in quel momento, e non ne godono. Perciò sono infelici e scontente del presente, di ciò che stanno facendo, e naturalmente sono incapaci di dedicarsi interamente a ciò che sembrano nell’atto di fare.

Pubblicità

A volte in un ristorante capita di vedere un uomo che legge mentre mangia, uno spettacolo assai comune. Vi dà l’impressione di essere un uomo molto impegnato, che non ha neanche il tempo per mangiare. Vi chiedete se stia mangiando o leggendo. Si potrebbe pensare che faccia entrambe le cose. In realtà non fa nessuna delle due, e non ne gode. La sua mente è tesa, agitata e non trae piacere da ciò che sta facendo, non vive la sua vita nel momento presente ma, inconsciamente e follemente, cerca invece di scappare dalla vita. (Questo non significa, tuttavia, che non si deve parlare con un amico mentre si pranza o si cena).

Non potremo mai sfuggire alla vita, per quanto ci proviamo. Finché siamo in vita, in una grotta come in una città, dobbiamo affrontare la nostra vita e viverla. La vera vita è il momento presente — non i ricordi di un passato che è morto e sepolto, né i sogni di un futuro che non è ancora nato. Chi vive nel presente, vive la vita vera ed è più felice, Quando gli domandavano perché i suoi discepoli, che conducevano un’esistenza semplice e serena, prendendo un solo pasto al giorno, fossero così raggianti, il Buddha rispondeva: « Non si rammaricano per il passato, non si preoccupano per il futuro, ma vivono nel presente. Ecco perché sono raggianti. Preoccupandosi per il futuro e rammaricandosi per il passato, gli sciocchi inaridiscono, come canne verdi tagliate (al sole) ».

Consapevolezza o presenza mentale non significa che dovete pensare: « Sto facendo questo » o « sto facendo quest’altro ». No, è tutto il contrario. Nel momento in cui pensate: « Sto facendo questo » diventate coscienti di voi stessi, e allora non vivete nella vostra azione, ma nell’idea dell’« IO SONO » e di conseguenza anche il vostro lavoro ne è danneggiato. Dovete dimenticarvi completamente di voi stessi e perdervi in ciò che fate. Nel momento in cui un oratore diventa cosciente di se stesso e pensa: «Mi sto rivolgendo a un uditorio » il suo discorso ne viene turbato e il filo dei suoi pensieri si interrompe. Ma quando dimentica se stesso e s’identifica con il proprio discorso, con il tema trattato, allora dà il meglio di sé, parla bene e si esprime con chiarezza. Tutte le grandi opere — artistiche, poetiche, intellettuali o spirituali — sono state realizzate in momenti in cui l’autore è riuscito a perdersi completamente nella sua azione, a dimenticare se stesso, a liberarsi dalla consapevolezza di sé.

La consapevolezza o presenza mentale riguardo alle nostre azioni, come è insegnata dal Buddha, significa vivere nel momento presente, vivere in ciò che si fa. (Anche la via dello Zen è basata essenzialmente su questo insegnamento). In tale forma di meditazione non dovete fare niente di particolare per sviluppare la vostra consapevolezza, dovete solo essere consapevoli e attenti a tutto ciò che state facendo. Non dovete perdere neppure un secondo del vostro tempo prezioso per questa particolare « meditazione »: dovete soltanto coltivare incessantemente la consapevolezza e la presenza mentale, giorno e notte, in tutte le attività della vostra normale vita quotidiana.

Da: Walpola Rahula, “L’insegnamento del Buddha“, Adelphi, 2019.

L’insegnamento del Buddha

Walpola Rahula, L'Insegnamento del Buddha
Walpola Rahula, il primo monaco buddhista a divenire titolare di una cattedra universitaria in Occidente, ha offerto con questo libro un'introduzione al buddhismo che, a sessant'anni dalla sua pubblicazione, conserva intatte la sua freschezza e attualità e rimane imprescindibile per chiunque voglia accostarsi a questa tradizione millenaria. Rahula tocca tutti i luoghi classici della dottrina e dell'etica buddhista, dalle Quattro nobili verità all'Ottuplice sentiero, dalla nozione del non-sé alle diverse forme di meditazione.

Questo libro è stato segnalato da Luce Maria Vergaro con la seguente motivazione: Per chi è interessato a conoscere ciò che Buddha ha insegnato!

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di August de Richelieu]

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità