Ajahn Chah – Dover affrontare molti problemi può essere una fonte di profonda saggezza

Affrontare molti problemi

La noia non è un problema reale; se guardiamo con attenzione, possiamo vedere che la mente è sempre attiva. Dunque, c’è sempre lavoro da fare. Fare personalmente certe piccole cose, come rigovernare con cura dopo mangiato, fare i lavori di casa con garbo e presenza mentale, senza sbatacchiare le pentole, aiuta a sviluppare la concentrazione e facilita la pratica. Inoltre vi può indicare se avete davvero raggiunto la presenza mentale o se invece state ancora vagando nelle contaminazioni. In genere voi occidentali vivete nella fretta, e per questo provate la felicità, la sofferenza o la contaminazione in modo più intenso. Se praticate correttamente, il dover avere a che fare con molti problemi può tradursi, in seguito, in una fonte di profonda saggezza.

Da: Ajahn Chah, “I maestri della foresta. La pratica della meditazione di visione profonda“, Astrolabio Ubaldini, 1989.

Per approfondire:

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:


Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
I maestri della foresta. La pratica della meditazione di visione profonda
Autore: Achaan Chah
Editore: Astrolabio Ubaldini
Data pubblicazione: 30 ottobre 1989
ISBN: 978-8834009734
In sintesi: Nelle foreste della Thailandia, della Birmania e del Laos, la Via del Buddha è ancora praticata con la semplicità e l'austerità originarie. Molti monaci hanno preferito ai templi di città, dediti allo studio dei testi sacri, i sentieri silenziosi della foresta e le umili abitazioni dove nulla disturba la meditazione. In questi spazi ancora vergini regna lo spirito della pratica, e i monaci hanno la possibilità di seguire i 'Mezzi di purificazione' raccomandati dal Buddha, i dhudanga da cui prende nome la loro tradizione. Si tratta di tredici regole che facilitano l'acquisizione di molte virtù: distacco, moderazione, frugalità, contentarsi di poco, energia. La fama di questi praticanti ha raccolto ben presto intorno a loro un folto numero di devoti laici e monaci, e così sono nati veri e propri monasteri e centri di meditazione. Achaan Chah è uno dei maestri più noti di questa tradizione e, grazie alla fondazione di un monastero in Inghilterra guidato da un suo discepolo occidentale, molti praticanti hanno trovato nella sua saggezza un valido aiuto. Ha il fascino di un uomo che ha dedicato tutta la vita a un solo supremo scopo: conoscere se stesso, interrogarsi incessantemente nonostante le incertezze, le sofferenze, i dubbi. Il suo insegnamento ha un carattere immediato e universale, una chiarezza e una gioia che rivelano una profonda pace mentale.

[La foto è di Steven Depolo, Stati Uniti]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: