Eckhart Tolle – La vita è il danzatore e noi siamo la danza

danza moderna

L’ego crea separazione e la separazione crea sofferenza. L’ego perciò è chiaramente patologico. A parte le emozioni negative più ovvie come la rabbia e l’odio, vi sono altre forme più sottili di negatività che sono così comuni che di solito non sono riconosciute come tali, come l’impazienza, l’irritazione il nervosismo e l’”essere stufi”. Costituiscono l’infelicità di fondo che, in molte persone, è lo stato interiore predominante. Dovete essere molto attenti e assolutamente presenti per riuscire a scoprirli. Ogni volta che lo fate è un momento di risveglio, nel quale non siete identificati con la mente.

Ti piace questo sito?
Leggi l'ultimo libro
dell'autore di Zen in the City:
Ama il Tuo Smartphone come Te Stesso
Come trasformare l’uso di smartphone,
tablet e PC in opportunità per essere più felici
€ 12
(o su Amazon)
Ecco qui uno degli stati negativi più comuni che facilmente vi può sfuggire, proprio perché è così comune, così normale. Sperimentate spesso un senso di scontentezza che potrebbe definirsi meglio come un generico senso di risentimento di fondo? Può essere specifico o no. Molte persone passano gran parte della loro vita in questo stato. Sono così identificate con questo che non sono in grado di staccarsi e di osservarlo. Sotto questa sensazione vi sono credenze inconsciamente mantenute, come dire, certi pensieri. Pensate quei pensieri nello stesso modo in cui sognate i vostri sogni quando dormite. In altre parole, non sapete che li state pensando, proprio come il sognatore non sa che sta sognando.

Qui vi sono alcuni dei pensieri più comuni, dei quali non siamo consapevoli, che nutrono il senso di scontentezza o il risentimento di fondo. Ho tolto il contenuto da questi pensieri così da lasciare la nuda struttura. In questo modo diventano più chiaramente visibili. Ogni volta che vi è dell’infelicità di fondo nella vostra vita (o anche evidente all’esterno) potete vedere quale di questi pensieri si applica e si adatta al vostro personale contenuto in accordo con la vostra situazione personale:

Deve accadere qualcosa nella mia vita prima che possa essere in pace (felice, soddisfatto ecc.). E ho risentimento perché non è ancora accaduto. Forse il mio risentimento lo farà finalmente accadere.

Sono risentito perché nel passato è accaduto qualcosa che non sarebbe dovuto accadere. Se non fosse successo, adesso sarei in pace.

Sta accadendo qualcosa, adesso, che non dovrebbe accadere e ciò mi impedisce di essere in pace.

Spesso le credenze inconsce sono dirette verso una persona e così l”accadere” diventa il “fare”:

Dovresti fare questo o quello così io potrei essere in pace. E sono risentito perché non l’hai ancora fatto. Forse il mio risentimento ti indurrà a farlo.

Qualcosa che tu (o io) hai fatto, detto, o non hai fatto nel passato mi impedisce di essere in pace, adesso.

Qualcosa che stai facendo o non facendo adesso mi impedisce di essere in pace.

Il segreto della felicità

Tutte le cose dette sopra sono asserzioni, pensieri più o meno inconsapevoli che sono confusi con la realtà. Sono storie che l’ego crea per convincervi che non potete essere in pace adesso o che non potete essere pienamente voi stessi, adesso. Essere in pace ed essere chi siete, cioè essere voi stessi, sono un’unica cosa. L’ego dice: “Forse, in qualche momento nel futuro, posso essere in pace se questo accade oppure ottenendo una cosa o diventando così”. Oppure: “Non posso mai essere in pace perché è successo qualcosa nel passato”.

Ascoltate le storie della gente e tutte possono essere intitolate “Perché non posso essere felice adesso”. L’ego non sa che la vostra sola opportunità per essere in pace è adesso. O forse lo sa e ha paura che voi possiate scoprirlo. La pace, dopotutto, è la fine dell’ego.

Come essere in pace adesso? Facendo la pace con il momento presente. Il momento presente è i campo in cui si svolge il gioco della vita. Non può avvenire in nessun altro luogo. Quando avete fatto la pace con il momento presente, osservate ciò che accade, cosa potete fare o scegliere di fare, o piuttosto cosa fa la vita attraverso di voi. Vi sono quattro parole che racchiudono i segreto dell’arte di vivere, il segreto di ogni successo e della felicità: UNO CON LA VITA. E sere una cosa sola con la vita è essere una cosa sola con l’Adesso. Allora comprenderete che voi non vivete la vita, ma che la vita vive voi. La vita è il danzatore e voi siete la danza.

Da: Eckhart Tolle, “Il potere di Adesso: Una guida all’illuminazione spirituale“, My Life, 2013.

Per approfondire:

momento presente

felicità

danza della vita

letture di Eckhart Tolle

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Libri di Eckhart Tolle:

[La foto è di Gael Varoquaux, Francia]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: