Joseph Goldstein – La mente non educata è stupida

federico borghi, perchè indossi quella stupida maschera da uomo?

Un metodo che mi è stato particolarmente utile per applicare la consapevolezza alla mente è riconoscere gli stati d’animo o le emozioni che fanno da sfondo alla giornata. Molto spesso, una giornata è in tutto o in parte vissuta all’insegna di un certo stato d’animo, ad esempio di tristezza noia o eccitazione, oppure di irritazione o chiarezza, di scoraggiamento o felicità. Si tratta di emozioni o stati d’animo tanto amorfi e diffusi che spesso ci sprofondiamo dentro e ci identifichiamo con loro, rendendoli i filtri inconsci della nostra esperienza. È come vedere il mondo attraverso lenti colorate.

Tra le cose che personalizziamo di più, spesso ci sono le emozioni e gli stati d’animo, e imponiamo così la sovrastruttura di un io al panorama cangiante dell’esperienza: “io sono arrabbiato”; “io sono triste”; “io sono felice”. Ma se pratichiamo la consapevolezza della mente, vediamo con più chiarezza quale stato d’animo o emozione è presente e come colora o condiziona la mente, senza bisogno di aggiungere il concetto o la sensazione di un ‘io’. Sappiamo solo che la mente arrabbiata è così, la mente triste è così, la mente felice è così. Vivere la mente da questo punto di vista ci introduce al “sapore della libertà”, per citare Ajahn Chah:

[La mente] dentro di sé è già tranquilla. Se attualmente non è tranquilla è perché segue gli stati d’animo. Diventa tranquilla o agitata perché gli stati d’animo la ingannano. La mente non educata è stupida. Le impressioni sensoriali la inducono alla felicità, alla sofferenza, all’allegria e al dolore, ma la vera natura della mente non è nulla di tutto questo. Quell’allegria o quel dolore non sono la mente, ma solo uno stato d’animo che viene a ingannarci. La mente non educata si perde e segue queste cose, dimentica di se stessa, e allora crediamo che sia lei a essere irritata, serena o altro.

In realtà però questa nostra mente è già imperturbabile e tranquilla… veramente tranquilla. […]

Perciò dobbiamo educare la mente a riconoscere le impressioni sensoriali e a non perdercisi dentro. Solo questo è lo scopo di tutta la difficile pratica in cui ci imbarchiamo.

Da: Joseph Goldstein, “Mindfulness. Una guida pratica al risveglio“, Astrolabio Ubaldini, 2016.

Per approfondire:

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Libri di Joseph Goldstein:

T-shirt La mia religione è la gentilezza

[La foto è di Federico Borghi, Italia]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: