Pema Chödrön – Aprire la porta di casa a tutti, senza spalancarla

L’impegno a fare del bene agli altri è tradizionalmente noto come il sentiero del Bodhisattva, la via dell’eroe, il sentiero del guerriero spirituale le cui armi sono la gentilezza, la limpidezza e l‘apertura del cuore. Il termine tibetano per guerriero, pawo al maschile e pawmo al femminile, significa “colui o colei che coltiva l’audacia”. Come guerrieri in addestramento, coltiviamo il coraggio e la flessibilità per vivere nell’incertezza — con la tenera e palpitante sensazione d’ansia, di non avere niente a cui aggrapparsi — e dedicare la nostra vita a renderci disponibili a tutti, in ogni situazione.

L’impegno a prendersi cura degli altri viene spesso descritto come il voto a invitare tutte le creature senzienti a essere nostri ospiti. La prospettiva può spaventarci: vuol dire che tutti verranno a casa nostra, significa aprire la porta a tutti, non solo a quelli che ci piacciono o che hanno un buon odore o a quelli che riteniamo “perbene” ma anche ai violenti e ai confusi, a individui di ogni tipo, taglia, colore, a persone che parlano altre lingue, a soggetti con i più disparati punti di vista. Adempiere al secondo impegno vuol dire dare una festa della diversità nel soggiorno di casa, tutto il giorno per tutti i giorni, per sempre.

In un primo momento la maggior parte di noi non è pronta per un simile impegno: non siamo affatto disposti a saltare senza riserve in una tale assenza di fondamento. Ma se proviamo un intenso desiderio di alleviare la sofferenza, che cosa possiamo fare? Per prima cosa, possiamo invitare tutti e tenere la porta aperta, ma solo per poco. La teniamo aperta solo per l’arco di tempo in cui siamo attualmente in grado di farlo e ci diamo il permesso di chiuderla non appena cominciamo a sentirci troppo a disagio. Tuttavia la nostra aspirazione è sempre quella di riaprire la porta e tenerla aperta qualche istante di più.

Se metteremo in atto questa pratica, i risultati potranno essere sorprendenti. Aprendo la porta gradualmente, senza cercare di spalancarla di colpo, ci abituiamo a quella sensazione trepidante che sperimentiamo quando alla festa cominciano ad arrivare persone con cui non sappiamo bene come rapportarci. Invece di pensare: devo spalancare la porta altrimenti quello che faccio non va bene, partiamo con la forte intenzione di tenere aperta la porta e, a poco a poco, ci troveremo ad attingere a una riserva di forza interiore e coraggio di cui non avevamo mai sospettato l’esistenza.

Da: Pema Chödrön, Vivi nella bellezza. L’incertezza, il cambiamento, la felicità, Apogeo, 2013.

Altri articoli e letture su:

Bodhisattva

generosità

letture di Pema Chödrön

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[schema type="book" url="https://www.amazon.it/dp/8850332351?tag=zeninthecit06-21&camp=3458&creative=23838&linkCode=as1&creativeASIN=8850332351&adid=1XBXKETG7D2CMDCF16MF&" name="Vivi nella Bellezza. L'incertezza, il cambiamento, la felicità" description="In sintesi: Il nostro attaccamento alle presunte certezze che la vita è in grado di offrirci è basato sulla paura e ci impedisce di fare l'esperienza del sentirci pienamente vivi. Di vivere nella bellezza" author="Pema Chödrön" publisher="Apogeo - Urra Edizioni" isbn="978-8850332359" ]
[La foto è di temporalata]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: