Sharon Salzberg – Cosa significa veramente la frase ‘Dimorano nella pace coloro che non dimorano in alcun luogo’

dimorare nella pace

Una teoria recente sostiene che ogni cosa nell’universo si allontana costantemente da ogni altra, così che non esiste più un punto centrale nel cosmo. Viviamo senza un punto di riferimento fisso: da una certa prospettiva questa conoscenza produce il desolato sentimento di non avere una casa nostra; ma da un’altra ci mostra direttamente che ogni luogo è casa nostra. Siamo liberi, non abbiamo bisogno di fissarci su un singolo centro per cercare rifugio e sicurezza: questo è l’amore, questa è la felicità, nella quale il nostro rifugio è senza limiti e siamo sempre a casa. Come disse il Buddha: “Dimorano nella pace coloro che non dimorano in alcun luogo”.

Prossimi eventi:

Tutelare le proprie facoltà mentali nell'era degli smartphone
Tutelare le proprie facoltà mentali nell’era degli smartphone
Incontro con Paolo Subioli presso il Centro Italiano Studi Mindfulness
Roma, 12 gennaio 2019

Quando ci identifichiamo con il corpo come un sé separato, come la nostra sola casa, pensiamo di doverlo controllare per preservare il nostro senso d’identità, ma non possiamo controllare la malattia, la vecchiaia o la morte. Se tentiamo di farlo, sosteniamo il peso inevitabile della disperazione e dell’impotenza. Quando concepiamo noi stessi come finiti e separati, come diviene spaventosa la morte! Cosa avremmo da temere, invece, se ci sentissimo parte dell’intera natura, che si muove e cambia, che nasce e muore?

In quel caso comprenderemmo che i nostri corpi sono legati al pianeta in un perpetuo e ritmico scambio, poiché la materia e l’energia fluiscono e rifluiscono tra noi e l’ambiente circostante. In ciò consiste la respirazione: a ogni respiro scambiamo l’anidride carbonica che abbiamo dentro con l’ossigeno che è fuori di noi. Di solito diamo per scontato questo processo, ma questo scambio, questa connessione che continua in ogni momento è veramente la prova che siamo vivi. Non viviamo come frammenti isolati, completamente separati, ma come parti di un grande, dinamico e mutevole tutto.

Da: Sharon Salzberg, L’arte rivoluzionaria della gioia, Astrolabio Ubaldini, 1995.

Per approfondire:

non identificazione

respirazione

letture di Sharon Salzberg

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

L'arte rivoluzionaria della gioia. Il potere della gentilezza amorevole e il sentiero verso la libertà

Autore: Sharon Salzberg
Editore: Astrolabio Ubaldini
Data pubblicazione: 7 dicembre 1995
ISBN: 978-8834011843
In sintesi: La base su cui poggia la pratica dell’arte rivoluzionaria della gioia è la consapevolezza, ossia, come la definiva Krishnamurti, l’osservazione affettuosa della mente, momento per momento. Sharon Salzberg ci parla qui della pratica della benevolenza, o gentilezza amorevole, e ci insegna passo dopo passo a svilupparla nei riguardi degli altri e naturalmente anche di noi stessi. Non èdifficile infatti che si trovino maggiori difficoltà nel dirigere un’energia affettuosa di bene proprio verso di noi. Vengono analizzati anche gli stati mentali che ostacolano la benevolenza, come l’avversione, la rabbia e l’attaccamento e ci vengono offerti strumenti utilissimi per contrastarli (dalla recensione di Macrolibrarsi).
Zen in the City consiglia caldamente questo libro.

[Foto di Brook Ward, Stati Uniti]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: