Thich Nhat Hanh – Lavare i piatti a mano può diventare un atto sacro, ecco come fare

Timothy Neesam, Washing dishes, Mahagandayon Monastery, Mandalay

Secondo me, l’idea che lavare i piatti sia sgradevole può venire in mente solo quando non li stiamo lavando. Una volta davanti al lavandino, con le maniche rimboccate e le mani nell’acqua calda, non è affatto sgradevole. Mi piace dedicarmi con calma a ogni piatto, pienamente consapevole del piatto, dell’acqua e di ogni movimento delle mani. So che se mi sbrigo per finire prima, l’esperienza di lavare i piatti sarà sgradevole e indegna di essere vissuta. E sarebbe un peccato, perché ogni minuto, ogni secondo di vita è un miracolo. Anche i piatti e il fatto di essere qui a lavarli sono un miracolo!

Prossimi eventi:

Tutelare le proprie facoltà mentali nell'era degli smartphone
Tutelare le proprie facoltà mentali nell’era degli smartphone
Incontro con Paolo Subioli presso il Centro Italiano Studi Mindfulness
Roma, 12 gennaio 2019

Se non so lavare i piatti con gioia, se cerco di finire il prima possibile per andare a mangiare il dolce, sarò altrettanto incapace di gustarlo. Con la forchetta in mano, penserò a cosa fare dopo, e la sua consistenza e il suo sapore, nonché il piacere di mangiarlo, andranno perduti. Sarò sempre risucchiato dal futuro, e il presente continuerà a sfuggirmi.

Sotto il sole della consapevolezza, ogni pensiero, ogni gesto, diventano sacri. La sua luce annulla i confini fra sacro e profano. Ammetto che mi ci vuole un po’ più di tempo per rigovernare, ma vivo ogni istante fino in fondo e sono felice. Lavare i piatti è al tempo stesso un mezzo e un fine, ossia, non li laviamo solo per avere piatti puliti, ma laviamo i piatti anche semplicemente per lavare í piatti, per vivere fino in fondo ogni istante.

Da: Thich Nhat Hanh, “La pace è ogni passo. La via della presenza mentale nella vita quotidiana“, Astrolabio Ubaldini, 1993.

Per approfondire:

lavare i piatti

consapevolezza

letture di Thich Nhat Hanh

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

La pace è ogni passo. La via della presenza mentale nella vita quotidiana
Autore: Thich Nhat Hanh
Editore: Astrolabio Ubaldini
Data pubblicazione: 8 marzo 1993
ISBN: 978-8834010839
È uno dei libri più amati del maestro zen Thich Nhat Hanh. Ecco come ne parlano i lettori su Amazon:

Libro che inizia ad aprire la mente e i modi di percepire il mondo che se tutti mettessero in pratica sarebbe davvero un mondo perfetto!

La forza della semplicità per raggiungere la pace interiore, a portata di mano. Piccoli esercizi quotidiani per trovare il proprio centro, per rasserenare il proprio stato d'animo e prepararsi ad incontrare "l'altro" senza pregiudizi ne aspettative. L'essenzialità che nasce dal custodire e coltivare se stessi e gli altri.

Bellissimo, consiglio per aumentare la consapevolezza nel quotidiano, aiuta molto per favorire la presenza mentale e ridurre le distrazioni. ciao

Me ne aveva parlato una mia amica, l'ho letto e mi è piaciuto moltissimo, l'ho già regalato varie volte e lo consiglio spesso ai miei amici.

[La foto è di Timothy Neesam, Canada]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: