Thich Nhat Hanh – Meditazione del mandarino

“Bambini, dopo avere sbucciato un mandarino, potete mangiarlo con consapevolezza o distrattamente. Cosa significa mangiare un mandarino con consapevolezza? Mangiando un mandarino, sapete che lo state mangiando. Ne gustate pienamente la fragranza e la dolcezza. Sbucciando il mandarino, sapete che lo state sbucciando; staccandone uno spicchio e portandolo alla bocca, sapete che lo state staccando e portando alla bocca; gustando la fragranza e la dolcezza del mandarino, sapete che ne state gustando la fragranza e la dolcezza. Il mandarino che Nandabala mi ha offerto aveva nove spicchi. Li ho messi in bocca uno per uno in consapevolezza e ho sentito quanto sono splendidi e preziosi. Non ho dimenticato il mandarino, e così il mandarino è diventato qualcosa di molto reale. Se il mandarino è reale, anche chi lo mangia è reale. Ecco cosa significa mangiare un mandarino con consapevolezza.

Bambini, cosa significa mangiare un mandarino senza consapevolezza? Mangiando un mandarino, non sapete che lo state mangiando. Non ne gustate la fragranza e la dolcezza. Sbucciando il mandarino, non sapete che lo state sbucciando; staccandone uno spicchio e portandolo alla bocca, non sapete che lo state staccando e portando alla bocca; gustando la fragranza e la dolcezza del mandarino, non sapete che ne state gustando la fragranza e la dolcezza. Così facendo, non potete apprezzarne la natura splendida e preziosa. Se non siete consapevoli di mangiarlo, il mandarino non è reale. Se il mandarino non è reale, neppure chi lo mangia è reale. Ecco cosa significa mangiare un mandarino senza consapevolezza.

Bambini, mangiare il mandarino con presenza mentale significa essere davvero in contatto con ciò che mangiate. La vostra mente non rincorre i pensieri riguardo allo ieri o al domani, ma dimora totalmente nel momento presente. Il mandarino è totalmente presente. Vivere con presenza mentale e consapevolezza vuol dire vivere nel momento presente, con il corpo e la mente che dimorano nel qui e ora”.

Vedi altri articoli su:

Da: Thich Nhat Hanh, “Vita di Siddharta il Buddha”, Ubaldini editore, 1992

[schema type="book" url="http://www.amazon.it/dp/8834010760/ref=as_sl_pc_tf_lc?tag=zeninthecit06-21&camp=3458&creative=23838&linkCode=as1&creativeASIN=8834010760&adid=1P15A732FDSKGKC7SKEB&&ref-refURL=http%3A%2F%2Fzeninthecity.org%2Fmateriali-utili-gruppi-meditazione%2Fletture-thich-nhat-hanh%2Fproteggere-vita%2F" name="Vita di Siddhartha il Buddha. Narrata e ricostruita in base ai testi canonici pali e cinesi" description="Thich Nhat Hanh ripercorre la vita del Buddha illustrandone gli insegnamenti e gli episodi più significativi. Una fonte preziosa di conoscenza che si legge come un piacevolissimo romanzo. Uno dei libri più belli mai scritti dal maestro zen." author="Thich Nhat Hanh" publisher="Astrolabio Ubaldini" isbn="978-8834010761" paperback="yes" ]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
[La foto è di Liz West, Usa]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: