Thich Nhat Hanh – Unità di corpo e mente

“Inspirando, sono consapevole di tutto il mio corpo. Espirando, sono consapevole di tutto il mio corpo”.

Il terzo esercizio del Satipatthana Sutta consiste nell’armonizzare il corpo e la mente. A questo scopo usiamo lo strumento del respiro. Nella pratica meditativa la distinzione tra il corpo e la mente si dissolve, e parliamo di unità di corpo e mente. In questo esercizio l’oggetto di consapevolezza non è più soltanto il respiro, ma l’intero corpo unificato con il respiro.

[…]

Nel terzo esercizio, il praticante si serve del respiro per unificare il corpo e la mente; così l’oggetto della concentrazione è simultaneamente il corpo, la mente e il respiro. Questa condizione. conosciuta come ‘unita di corpo e mente’, è una integrazione totale.

Nella vita quotidiana il corpo e la mente sono spesso separati. Il corpo è qui e la mente è altrove, forse persa in un passato lontano o in un futuro altrettanto lontano. Con la consapevolezza possiamo realizzare l’unità di mente e corpo, e recuperare la nostra interezza. In questa condizione, ogni pratica ci riporterà alla sorgente, che è l’unità di corpo e mente, aprendoci all’incontro reale con la vita.

Quando il corpo e la mente si unificano, le ferite del nostro cuore, mente e corpo incominciano a rimarginarsi. Finché c’è separazione le ferite non possono guarire. Nella meditazione seduta i tre elementi del respiro, corpo e mente si calmano, e gradualmente diventano uno. Quando c‘è pace in uno dei tre elementi, presto ci sarà pace anche negli altri. Per esempio, se il corpo è in una posizione molto stabile in cui il sistema nervoso e muscolare sono rilassati, la mente e il respiro ne vengono immediatamente influenzati e gradualmente si calmano. Allo stesso modo, se pratichiamo correttamente la respirazione cosciente, la respirazione stessa diventa più regolare, calma e armoniosa a ogni momento; questa calma, regolarità e armonia della respirazione si estende al corpo e alla mente, che ne trarranno grande beneficio. Solo così l’unità di mente e corpo è raggiungibile Quando c’è unità di corpo e mente, la respirazione serve da ‘armonizzatore’, e noi realizziamo pace, gioia e tranquillità, i primi frutti della pratica di meditazione.

Da: Thich NHat Hanh, Trasformarsi e guarire, Astrolabio Ubaldini, 1990

Per approfondire:

corpo

unità di corpo e mente

meditazione seduta

Satipatthana Sutta

Un commento al Satipatthana Sutta, con venti esercizi pratici per applicare la consapevolezza nella vita quotidiana, nello stile inconfondibile di Thich Nhat Hanh.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Jeremy Hockin, Canada]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: