Mary Oliver – Le oche selvatiche

Non devi essere buono.
Non devi trascinarti ginocchioni,
pentito, per cento miglia attraverso il deserto.
Devi soltanto permettere a quel mite animale, al tuo corpo, di amare ciò che ama.
Parlami della tua disperazione, io ti racconterò la mia.
Intanto, il mondo va avanti.
Intanto, il sole e gli splendenti sassolini della pioggia
attraversano i paesaggi,
passano sopra le praterie e gli alberi dalle profonde radici,
sopra le montagne e i fiumi.
Intanto, le oche selvatiche, alte nel limpido azzurro,
fanno nuovamente ritorno a casa.
Chiunque tu sia, per quanto tu possa essere solo,
il mondo si offre alla tua immaginazione,
ti manda il suo richiamo come le oche selvatiche, aspro ed eccitante:
annuncia incessantemente la tua appartenenza
alla famiglia delle cose.

 

Tratto da: Aa.Vv., “Mindfulness: Al di là del pensiero, attraverso il pensiero“, Bollati Boringhieri, 2014.

Per approfondire:

interessere

interdipendenza

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

(poi controlla l'email per confermare)
Ora condividi la tua esperienza lasciando un commento, gli altri lettori ne saranno felici!
[schema type="book" url="https://www.amazon.it/dp/885020034X?tag=zeninthecit06-21&camp=3458&creative=23838&linkCode=as1&creativeASIN=885020034X&adid=1ZCSNP325EZWWNNBPMF1&" name="Dovunque tu vada, ci sei già. Una guida alla meditazione" description="Una guida che indica il percorso, facile e accessibile a chiunque, per raggiungere la consapevolezza di sé attraverso la pratica della meditazione. Da un maestro della meditazione, la chiave per essere finalmente padroni di se stessi e imparare a godere di quell'ultimo momento della nostra esistenza di cui davvero disponiamo per amare, crescere, vivere: il presente" author="Jon Kabat-Zinn" publisher="TEA" isbn="978-8850200344" ]
[La foto è di Pixabay]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: