Meditare in città – Esercizi per vivere da persone sane in un mondo malato

meditare in città

L’arte di meditare in città è il cuore di Zen in the City. La nostra missione è di offrire risorse per chi desidera ricercare la saggezza, l’equanimità e la quiete interiore proprio nei luoghi che sembrano fatti apposta per ottenere il contrario: le città, gli uffici, i mezzi di trasporto, i semafori rossi, gli ingorghi, le file al supermercato.

Se vivete in città e volete sapere come meditare, o siete in cerca di idee su come praticare la meditazione in città, in casa e nel luogo di lavoro, qui ricaverete molti spunti. Non troverete informazioni superficiali o basate sul sentito dire, ma esclusivamente pratiche sperimentate in prima persona e basate sugli insegnamenti dei più grandi maestri di meditazione.

Da quando aprite gli occhi al mattino, fino al momento di coricarsi, offriamo spunti di pratica di meditazione per ogni momento della giornata. In camera da letto, in bagno, in cucina, e poi su tutti i mezzi di trasporto, in ufficio, al parco, per strada. Non c’è luogo né momento della giornata in cui non si possa praticare la meditazione e vivere in consapevolezza.

Pubblicità

Lo Zen, in particolare, ci insegna da secoli come la meditazione non sia affatto una pratica separata dalla vita reale. Al contrario, è sempre possibile essere consapevoli del momento presente. Perché la vita si svolge esclusivamente nel momento presente, indipendentemente dal fatto che la nostra testa è sempre piena di pensieri riguardanti il passato o il futuro.

Meditare in città, in fin dei conti, è facile, perché essa presenta di continuo occasioni per essere consapevoli al momento presente, a contatto con le proprie sensazioni corporee e con ciò che avviene nello spazio attorno a noi.

Per la cronaca: la sequenza di 9 articoli che vedete qui di seguito è casuale, dunque ogni volta è diversa. E cambia anche ricaricando la pagina.

Urban Mindfulness

Meditazione al semaforo, variante n. 5 (mudita), con riassunto delle puntate precedenti

Ecco una nuova variante della meditazione al semaforo. Stavolta vediamo com’è possibile sviluppare la capacità di provare gioia per la gioia degli altri, cioè andare nella direzione contraria dell’invidia.

Come meditare in treno

Meditare in treno è una pratica di consapevolezza tra le più interessanti e utili, perché ci aiuta più che mai ad abituarci a stare con ciò che c’è nel momento presente, che è un po’ l’essenza di tutta la pratica...

Meditazione in auto con la pioggia

La meditazione in auto con la pioggia è una pratica stupenda, che arriva dritta al cuore degli insegnamenti buddhisti ed è un privilegio per noi, perché neanche il Buddha stesso aveva la possibilità di praticarla in alcun modo!

Organizzare un ritiro di meditazione autogestito

Organizzare un ritiro di meditazione autogestito della durata di un week-end è un’ottima idea per i gruppi locali che praticano la meditazione e vogliono regalarsi la possibilità di praticare insieme in silenzio, lontani dalle preoccupazioni della vita quotidiana. Un ritiro...

Camminare nella consapevolezza di essere spiati

Molte app rivelano i dati sulla nostra posizione e li rivendono a destra e a manca. Ecco cosa bisogna sapere, come possiamo tutelarci e soprattutto come possiamo trasformare tutto ciò in una pratica di consapevolezza.

Il navigatore GPS come maestro di resilienza

La resilienza è la capacità di reagire di fronte alle difficoltà sapendosi adattare al cambiamento. È una bellissima qualità e il navigatore GPS – quello dell’automobile o delle Google Maps – può aiutarci a coltivarla. Ecco come

La mascherina antivirus migliora la consapevolezza del respiro

La mascherina antivirus, per quanto possa essere fastidiosa, è in grado di renderci consapevoli del respiro, con molte conseguenze importanti.

Meditazione al semaforo n. 2

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?Fai il login o registrati.

Godersi il privilegio di camminare in città

Da abitante di una metropoli italiana quale sono, tutti i giorni mi impegno a ricercare il benessere in questo ambiente apparentemente così poco amichevole, che, in fin dei conti, però, è il mio ambiente. E così ti propongo, mio caro...

[La foto è di TJ da Pexels]

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità