Meditazione al semaforo n. 4

meditazione al semaforo

La meditazione al semaforo è una delle pratiche ideali per chi vive in città , specie se passa una parte significativa del proprio tempo in automobile.  Questa è la quarta volta che parliamo di meditazione al semaforo, su questo sito, descrivendo esercizi consigliati quando ci si trova fermi davanti al semaforo rosso. La prima volta ne abbiamo parlato come occasione di consapevolezza e rilassamento del corpo. La seconda volta come pratica di equanimità. La terza volta come esercizio di osservazione della realtà impermanente di tutte le cose. L’argomento è stato ulteriormente approfondito sul libro “Zen in the City” ed è presente come esercizio anche nella app su Android e iOS.

Accettare la realtà

Stavolta parliamo di un altro aspetto che è possibile approfondire se ci troviamo fermi al semaforo rosso: l’accettazione della realtà che non possiamo cambiare. Di fronte a tanti aspetti della vita avversi, scomodi o sgradevoli, vorremmo che le cose andassero diversamente. A volte possiamo fare qualcosa perché ciò sia possibile. Altre volte possiamo agire per vedere risultati solo a lungo termine. Altre volte ancora non possiamo fare niente, o quasi, e si tratta della maggioranza dei casi. Da ciò possono scaturire sentimenti di rabbia, frustrazione, senso di inadeguatezza. Sto parlando di esperienze che conosciamo bene un po’ tutti.

Molto spesso, poi, nasce una situazione di stress e di tensione per via dello scarto che avvertiamo tra la realtà e le nostre aspettative. Ci immaginiamo che il mondo sia o debba essere in un certo modo e rimaniamo continuamente delusi. Ci facciamo un’idea dell’amicizia e poi ci sentiamo traditi se le persone intorno a noi non si comportano come dovrebbero. Vediamo una persona per strada che finisce il pacchetto di sigarette e lo butta per terra. “Non dovrebbe comportarsi così!”. E perché mai? Che ne sappiamo noi di quella persona e del suo background?

Pubblicità

Ma indipendentemente da ciò che possiamo fare o non fare, la cosa più importante è osservare in profondità quello che accade. Se impariamo a osservare la realtà in profondità, possiamo capire cosa sta succedendo e perché. Un amico dice qualcosa che mi ferisce, ad esempio. Potrei reagire immediatamente mandandolo a quel paese, ma invece preferisco capire perché si comporta così. Scopro che sta soffrendo, perché ha un problema che lo opprime. Allora il mio modo di reagire diventa ben diverso e non peggioro la situazione cercando di difendermi. Osservare in profondità non riguarda solo ciò che accade intorno a noi, ma anche dentro di noi. Se capisco cosa mi sta succedendo in questo momento, sono in grado di agire con molta più consapevolezza e, a lungo termine, in modo più saggio.

Meditazione al semaforo, come fare

Al semaforo possiamo esercitarci all’osservazione senza reazione, quella di chi prima vuole capire.

  1. Mentre te ne stai lì ad aspettare che scatti di nuovo il verde, osserva ciò che accade davanti a te: persone di tutti i tipi e in tutti gli atteggiamenti che attraversano la strada, automobili e altri mezzi, animali, l’ambiente nel quale tutto ciò accade, il cielo, l’aria, i suoni. Fallo con la massima attenzione.
  2. Considera che ognuno degli fenomeni di questa scena che si svolge davanti ai tuoi occhi è il frutto di una serie di cause e condizioni che l’hanno preceduto, e che ora lo rendono inevitabile.
  3. Accogli tutto ciò con uno spirito di accettazione. È la vita nella sua manifestazione attuale, che si svolge nel momento presente ed esiste a prescindere dalla tua volontà.
  4. Prova a farlo senza giudicare, senza aggiungere pensieri, senza desiderare di essere altrove o che le cose vadano diversamente, un po’ come faresti quando guardi un film.

Accogliere la realtà così, com’è, con gentilezza, è un atto d’amore verso se stessi. È un modo per evitare tensioni inutili, nel corpo e nella mente, ed è anche la strada maestra per accettare se stessi.

Regalati un paio di minuti al semaforo nella contemplazione accogliente di ciò che accade. Nella tua vita ci sarà sicuramente meno stress e più piacere.

Per approfondire:

semaforo

osservazione profonda

aspettative

stress

Jeff Foster – Accettazione non significa rassegnazione

Zen in the city. L’arte di fermarsi in un mondo che corre

Zen in the city. L'arte di fermarsi in un mondo che corre
"Questo libro è stato il mio primo contatto con lo zen. Per me che sono appena approdata in questo mondo è stato una rivelazione, perché parla di pratiche quotidiane che non necessitano di particolari conoscenze, ma che aiutano a vivere la vita in modo più sereno. è un libro alla portata di tutti, esordienti e esperti. è bello potercisi affidare in davvero molti momenti della giornata, perché nel libro si riesce a trovare la giusta…
Paolo Subioli

Ho scritto questo libro per condividere ciò che ho imparato nell’ambito della mia pratica quotidiana, grazie agli insegnamenti dei maestri, ma anche e soprattutto dell’esperienza diretta.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Tim Gouw, Canada]

Meditazioni al Semaforo

Meditazione al semaforo

Quando con l’auto o il motorino siamo costretti a fermarci al semaforo, possiamo approfittarne per trasformare questo momento, in genere sgradito, in un’occasione di ricarica, benessere e crescita personale. Ecco alcuni possibili esercizi che consiglio, anche perché li sperimento quotidianamente....

Meditazione al semaforo n. 2

Un esercizio da praticare mentre si sta in attesa al semaforo, il quale può rivelarsi un inaspettato ed efficace maestro di equanimità.

Meditazione in automobile

Praticare la meditazione in automobile è possibile, come ci insegna lo zen. Ecco come trasformare la guida in una pratica di crescita personale.

Meditazione al semaforo n. 3

In questa variante di meditazione al semaforo, osserviamo tutto ciò che scorre davanti a noi. In tal modo prendiamo confidenza col meccanismo fondamentale che sta alla base della nostra attività mentale e della nostra esperienza di vita.

Meditazione al semaforo, variante n. 5 (mudita), con riassunto delle puntate precedenti

Ecco una nuova variante della meditazione al semaforo. Stavolta vediamo com’è possibile sviluppare la capacità di provare gioia per la gioia degli altri, cioè andare nella direzione contraria dell’invidia.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Pubblicità

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Mauro ha detto:

    La meditazione al semaforo può aiutare a uscire da sé, dalle proprie nevrosi, dai propri pensieri ossessivi e a far capire che tutti abbiamo dei problemi, che tutti abbiamo delle sofferenze (e delle gioie). Ti rendi conto che non sei al centro dell’universo e il tuo ego si affievolisce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.