Meditazione al semaforo n. 3

semaforo

La meditazione al semaforo ci dimostra come il lampione urbano tricolore sia un grande maestro zen. Uno dei più generosi che esistano, perché non smette un attimo di lavorare al nostro servizio. Il semaforo sa regalarci eccezionali opportunità di ricarica, benessere e crescita personale. Abbiamo già visto come ci possa offrire cruciali occasioni di rilassamento, poi come ci possa insegnare l’equanimità. Oggi la meditazione al semaforo ci insegnerà come stare nel flusso della vita senza sentirci separati da essa.

Meditazione al semaforo: come fare

Proviamo a rimanere  al semaforo a osservare tutto ciò che scorre davanti a noi. Mentre ce ne stiamo fermi passano persone, animali e mezzi meccanici, in cielo e in terra. E nel frattempo, una nuvola transita davanti al sole, un cane abbaia, un bimbo fa i capricci. Invece di restare immersi nei nostri pensieri, cerchiamo di essere immersi nella vita, respirando profondamente.

Osservando il movimento di fronte a noi, noteremo presto che ogni cosa, ogni essere vivente, a un certo punto, entra nel nostro campo percettivo, transita e poi esce, così com’è venuto. È un esercizio eccezionale, per prendere confidenza col meccanismo fondamentale che sta alla base della nostra attività mentale e della nostra esperienza di vita, che poi sono la stessa cosa. È qualcosa di molto simile a quello che possiamo sperimentare quando rimaniamo soli con la nostra mente, anche con gli occhi chiusi, e possiamo vedere pensieri ed emozioni transitarvi in un modo che è facile definire “impermanente”.

Pubblicità

Non etichettare, non giudicare, non cercare di trattenere, né di respingere. Non ci vuole molto a farlo, mentre ce ne stiamo al semaforo a osservare i movimenti di fronte a noi. Se ci riusciamo, un giorno dopo l’altro, grazie anche alla meditazione al semaforo, poi sarà più facile applicare lo stesso criterio a ciò che ci capita nella vita, giorno dopo giorno.

[La foto è di Gideon, Francia]

Meditazioni al Semaforo

Meditazione al semaforo

Quando con l’auto o il motorino siamo costretti a fermarci al semaforo, possiamo approfittarne per trasformare questo momento, in genere sgradito, in un’occasione di ricarica, benessere e crescita personale. Ecco alcuni possibili esercizi che consiglio, anche perché li sperimento quotidianamente....

Meditazione al semaforo n. 2

Un esercizio da praticare mentre si sta in attesa al semaforo, il quale può rivelarsi un inaspettato ed efficace maestro di equanimità.

Meditazione in automobile

Praticare la meditazione in automobile è possibile, come ci insegna lo zen. Ecco come trasformare la guida in una pratica di crescita personale.

Meditazione al semaforo n. 4

Abbiamo già parlato diverse volte di meditazione al semaforo, un cavallo di battaglia di Zen in the City. In questa nuova versione della pratica, impareremo ad accogliere la realtà per quello che è, quale via per liberarci dallo stress

Meditazione al semaforo, variante n. 5 (mudita), con riassunto delle puntate precedenti

Ecco una nuova variante della meditazione al semaforo. Stavolta vediamo com’è possibile sviluppare la capacità di provare gioia per la gioia degli altri, cioè andare nella direzione contraria dell’invidia.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Pubblicità

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Mauro Quaroni ha detto:

    La pratica di meditazione del semaforo ? è molto bella. Ti dice che tutto è impermanente, anche il tempo

  1. 10 Febbraio 2021

    […] terza meditazione al semaforo, abbiamo visto come comprendere l’impermanenza di tutti i fenomeni e gli stati […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *