Ajahn Chah – Frasi, libri, biografia e testi in italiano

ajahn chah

Chah Subhaddo, Ajahn Chah (1918 – 1992) è stato un monaco buddista thailandese, il più noto esponente della Tradizione della Foresta Thai. La sua fama è legata soprattutto al suo ruolo determinante nello stabilire il buddismo Theravada in Occidente e nel contribuire allo sviluppo e alla diffusione della Vipassana. A partire dal 1979, con la fondazione del monastero buddista di Chithurst, nel Regno Unito, la tradizione della Foresta di Ajahn Chah si è diffusa in Europa, negli Stati Uniti e nel Commonwealth britannico. I discorsi del Dhamma di Ajahn Chah sono stati registrati, trascritti e tradotti in diverse lingue.

Una caratteristica del suo stile è quella di una certa tendenza all’ascetismo e a una sorta di “ritorno alle origini”. Per diversi anni Ajahn Chah ha trascorso il proprio tempo in foreste, grotte e terreni dedicati alla cremazione. Ha vissuto nelle giungle infestate di tigri e cobra, approfondendo le riflessioni sulla morte per penetrare nel vero significato della vita. I monaci e le monache della Tradizione della Foresta Thai mangiano una sola volta al giorno, al mattino, e si dedicano a pratiche come dormire all’aperto, sotto un albero, abitare nella foresta o in cimiteri isolati.

Diversi suoi studenti sono diventati a loro volta importanti esponenti della scuola Vipassana, come Ajahn Sumedho, Ajahn Amaro e Jack Kornfield.

Testi in italiano di Ajahn Chah

Ajahn Chah – Dover affrontare molti problemi può essere una fonte di profonda saggezza

La noia non è un problema reale; se guardiamo con attenzione, possiamo vedere che la mente è sempre attiva. Dunque, c’è sempre lavoro da fare. Fare personalmente certe piccole cose, come rigovernare con cura dopo mangiato, fare i lavori di...

Ajahn Chah – Stai soffrendo molto, oggi?

Un giovane monaco, un occidentale, appena arrivato a uno dei monasteri della foresta di Ajahn Chah, chiese l permesso di rimanere a praticare. “Spero che la sofferenza non ti spaventi” fu la prima risposta di Ajahn Chah. Colto un po’...

Ajahn Chah – Come meditare lasciando andare

Durante la meditazione non è necessario porgere attenzione a nulla che sorga nella mente. Ogni qualvolta la mente è influenzata da pensieri o stati d’animo, ovunque ci sia una sensazione o una impressione nella mente, semplicemente lasciate andare. Non ha...

Ajahn Chah – La mente nel suo stato naturale non è né felice né infelice

Esaminando la vera natura della mente, osserverete che, nel suo stato naturale, non ha preoccupazioni o ambizioni che la sommergano. È come una bandiera che sia stata legata all’estremità di un’asta; se niente la muove rimarrà così, tranquilla. E se...

Ajahn Chah – L’attività mentale è come un cobra velenoso

Per svolgere la pratica di meditazione, ricordati di fare attenzione a tutte le varie attività della mente, tutte quelle che ti piacciono e tutte quelle che non ti piacciono, nello stesso modo in cui faresti attenzione a un cobra. Il...

Ajahn Chah – La meditazione non è difficile, va solo capito cos’è

Spesso la meditazione non è ben compresa. Pratichiamo in gruppo, ma non sappiamo veramente di cosa si tratti. Alcuni pensano che sia qualcosa di molto difficile. “Vengo al monastero, ma non riesco a stare seduto. Non ho molta pazienza. Mi...

Libri di Ajahn Chah

Frasi di Ajahn Chah

Una selezione delle frasi, citazioni e aforismi che ci piacciono di più e che sintetizzano in maniera efficace il pensiero del monaco thailandese.

Questa mente è una cosa incerta. Questo corpo è incerto. Insieme sono impermanenti. Insieme sono una fonte di sofferenza. Insieme sono privi di sé. Questi, ha sottolineato il Buddha, non sono né un essere, né una persona, né un sé, né un’anima, né noi, né loro. Sono solo elementi: terra, acqua, fuoco e vento. Solo elementi!Ajahn Chah, 'Bodhinyana'
Non avere fretta o provare a spingere o accelerare la tua pratica. Fai la tua meditazione delicatamente e gradualmente, passo dopo passo. Per quanto riguarda la tranquillità, se il tuo desiderio è diventare una persona pacifica, accettalo; se non diventi pacifico, allora accetta anche quello. Questa è la natura della mente. Dobbiamo trovare la nostra pratica e continuare con costanza.Ajahn Chah, 'Bodhinyana'
La mente e la sensazione sono proprio come olio e acqua; sono nella stessa bottiglia, ma non si mescolano. Anche se siamo malati o doloranti, conosciamo ancora la sensazione come sensazione, la mente come mente. Conosciamo gli stati dolorosi o confortevoli, ma non ci identifichiamo con loro. Restiamo solo con la pace: la pace oltre il comfort e il dolore.Ajahn Chah, 'A Taste of Freedom'
La fonte di tutto il bene, il male, la guarigione e il danno risiede nelle azioni, nelle parole e nei pensieri. Hai portato con te azioni, discorsi e pensieri oggi? O li hai lasciati a casa? È qui che devi guardare, proprio qui. Non devi guardare molto lontano. Guarda le tue azioni, parole e pensieri. Guarda per vedere se la tua condotta è difettosa o no.Ajahn Chah, 'Living Dhamma'