Ajahn Sumedho – Frasi, libri, biografia e testi in italiano

Ajahn Sumedho

Lo statunitente Ajahn Sumedho è il più noto rappresentante in Occidente della tradizione thailandese dei Monaci della foresta del Buddhismo Theravada. Nato come Robert Jackman, a Seattle, nel 1934, è stato abate del monastero di Amaravati, in Inghilterra, dalla fondazione nel 1984, fino al giorno del suo ritiro, nel 2010.

Ha prestato il servizio militare per quattro anni nella Marina statunitense, a partire dall’età di 18 anni, prendendo parte alla Guerra di Corea. Si è laureato in studi sull’Estremo Oriente alla University of California nel 1963, a Berkeley. Dopo un anno come assistente sociale con la Croce Rossa, Jackman ha prestato servizio nei Peace Corps nel Borneo tra il 1964-1966. Nel 1967 ha preso i voti da bhikkhu (monaco).

Particolarmente importante per Ajahn Sumedho è stata la vicinanza con Ajahn Chah, a quel tempo il più importante insegnante della tradizione Theravada. Nel 1977, Ajahn Sumedho accompagnò Ajahn Chah in visita in Inghilterra. Avendo constatato un vivo interesse per Buddhismo tra gli occidentali, Ajahn Chah incoraggiò Ajahn Sumedho a rimanere in Inghilterra, per fondare un monastero nel Regno Unito. Questo primo monastero è stato Cittaviveka, nel West Sussex.

Ajahn Sumedho, nei suoi insegnamenti, sottolinea in particolare la qualità intuitiva della consapevolezza e la sua integrazione nella vita quotidiana. Come la maggior parte degli insegnanti della tradizione della foresta, Ajahn Sumedho tende ad evitare astrazioni intellettuali sulla dottrina buddhista, per concentrarsi quasi esclusivamente sulle sue applicazioni pratiche, cioè lo sviluppo di saggezza e compassione nella vita quotidiana.

Una famosa tecnica di meditazione insegnata da Ajahn Sumedho consiste nel riposare in ciò che egli chiama “il suono del silenzio“.

ajahn sumedho e ajahn chah

Ajahn Sumedho (in prima fila a destra) con Ajahn Chah (con il bastone) nei primi anni dell’ordinazione in Thailandia.

Testi in italiano di Ajahn Sumedho

Ajahn Sumedho – La meditazione vipassana consiste nel lasciare andare

La concentrazione consiste nel rivolgere l’attenzione a un determinato oggetto e nel mantenerla focalizzata su un punto (ad esempio il ritmo tranquillizzante della normale respirazione) finché ci si immedesima con quel segnale e la percezione di un soggetto e un...

Ajahn Sumedho – Cos’è la gentilezza amorevole (mettā) e perché nella vita può essere molto utile

Quando parliamo di "amore", spesso ci riferiamo a qualcosa che ci piace. Per esempio, "amo il riso al vapore", "amo il mango sciroppato". In realtà intendiamo dire che ci piacciono, ossia che siamo attaccati a qualcosa — come ad esempio...

Ajahn Sumedho – Una vita poco interessante non è noiosa, anzi

Il mondo della mente è molto potente e forte, e le nostre menti diventano così confuse che noi siamo sopraffatti dalle emozioni O dall’apparenza delle cose. Abbiamo dunque realmente bisogno di fissare qualcosa da poter usare per la meditazione, per...

Ajahn Sumedho – L’infelicità deriva dall’attaccamento a ciò che prima o poi finisce

La mente è capace di astrazione, può generare ogni sorta di idee e di immagini, pensare cose sublimi o estremamente volgari. C’è tutta una gamma di possibilità, dagli stati mentali più sottili di beatitudine e di estasi alle miserie del...

Ajahn Sumedho – Perché pratichiamo la meditazione camminata (jongrom)

La meditazione camminata (jongrom) è una pratica in cui si cammina in modo raccolto restando in contatto con il movimento dei piedi. Si porta l’attenzione sul corpo che cammina dal principio del sentiero fino alla fine, all’atto di voltarsi, al...

Libri di Ajahn Sumedho