Chandra Livia Candiani – Non voglio essere migliore

essere migliore

Non voglio imparare a non aver paura, voglio imparare a tremare.
Non voglio imparare a tacere, voglio assaporare il silenzio da cui ogni parola vera nasce.
Non voglio imparare a non arrabbiarmi, voglio sentire il fuoco, circondarlo di trasparenza che illumini quello che gli altri mi stanno facendo e quello che posso fare io.
Non voglio accettare, voglio accogliere e rispondere.
Non voglio essere buona, voglio essere sveglia.
Non voglio fare male, voglio dire: mi stai facendo male, smettila.
Non voglio diventare migliore, voglio sorridere al mio peggio.
Non voglio essere un’altra, voglio adottarmi tutta intera.
Non voglio pacificare tutto, voglio esplorare la realtà anche quando fa male, voglio la verità di me.
Non voglio insegnare, voglio accompagnare.
Non è che voglio cosi, è che non posso fare altro.

Da: Chandra Livia Candiani, “Il silenzio è cosa viva. L’arte della meditazione“, Einaudi, 2018.

Il silenzio è cosa viva. L’arte della meditazione

Chandra Livia Candiani, Il silenzio è cosa viva
Nel mondo di Chandra, dove la parola è anche immagine e poesia, meditare è anzitutto stare fermi; sedersi e seguire umilmente e con pazienza il respiro, accoglierlo in silenzio, conoscere ma senza pensare. Meditare è seguire i movimenti della nostra mente smettendo di affaccendarci in azioni, pensieri, preoccupazioni per il futuro, ricordi del passato. Meditare non è fare il vuoto intorno a noi. Anzi: è non separare i mondi, non dividere lo spirituale dall'ordinario.
Paolo Subioli

Libro bellissimo e inaspettato, per chi è abituato a leggere autori di Dharma. Molti aspetti diversi della meditazione sono visti con gli occhi di una poetessa innamorata della pratica.

[La foto è di Sharon McCutcheon da Unsplash]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Silvio Anselmo – Potere

Accettare l’impotenza nel confronto con le cose mi dà un potere inaspettato: così non mi sento più sigillato e il cuore canta e fluisce con tutto ciò che accade in gioiosa libertà. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito –...

Silvio Anselmo – Essere

Essere nella gratuità. Nello scopo ci siamo da sempre e c’è infelicità Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni La parola, 2014. Per approfondire: gratuità non ottenimento poesie di Silvio Anselmo [La foto è di Ethan Hoover...

Silvio Anselmo – La danza del rallentare

Se tu rallenti rallenti il tuo agire in quelle lente movenze ti sentirai danzare la vita – non più schiacciato dal condizionamento, dalla necessità, automatizzato- e darai significato e gusto a ogni più minuto ricciolo di realtà. In quella lentezza...

Josè Saramago – Com’è fondo il silenzio

Com’è fondo il silenzio tra le stelle. Non un suono di parola si propaga, né cinguettio di favolosi uccelli. Ma là tra quelle stelle, dove siam un astro ricreato, là si sente quell’intimo rumore che apre le rose.   Da:...

Silvio Anselmo – Liquidamente

Liquidamente arreso alla sfuggente presa del reale. Ecco, si, liquido come l’acqua che si insinua e prende tutte le forme, ma non ne conserva alcuna; tutti i sapori, gli umori e li scioglie in sé e va ad arricchire, con...

Silvio Anselmo – Comunione

Ti fiocca in cuore un emozione, un sentimento, senza oggetto, vago; senti che palpiti col reale, che sia pioggia, sole o vento non fa differenza: è una questione d’amorosa comunione. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Silvio Anselmo – Silenzio mentale

Nel silenzio mentale lo spazio profondo dell’interiorità rivela una presenza che consola misteriosamente la bramosia di senso e la precarietà esistenziale. In quel silenzio una pace una pienezza unificata.   Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Pubblicità