Jack Kornfield – La tranquillità ci semplifica e ci migliora la vita

tranquillità

La tranquillità è uno dei sette fattori dell’illuminazione o sette fattori del risveglio. Nel nostro mondo affaccendato, tendiamo in genere a trascurare la capacità, che pure possediamo, di far calmare e riposare la mente, e di immergerci in uno stato di silenzio e pace profondi. Questa immobilità rappresenta, nell’ambito della meditazione, una forza considerevole, attraverso la quale possiamo imparare ad ascoltare più intensamente il mondo che ci circonda e la sapienza del nostro stesso cuore. Per sostenere questa condizione di tranquillità nella pratica meditativa, è necessario favorire l’immobilità del corpo, la calma del respiro, e un senso interiore di agio e di riposo; ci si può dedicare, allora, tanto all’esercizio fisico, quanto alla respirazione, alle sedute di meditazione, e al rilassamento. La tranquillità viene anche favorita dai periodi di tempo che trascorriamo in solitudine o nell’ambiente naturale. Non è per un caso, del resto, che il Buddha scelse di vivere nelle selve, piuttosto che nelle città di Benares o di Rajagaha. Ritiri periodici e altre forme di quiete esteriore possono, dunque, alimentare considerevolmente la nostra tranquillità interiore.

In ambito mentale, il modo più diretto per raggiungere la quiete è imparare a lasciar andare preferenze e avversioni, cosa che vuol dire smettere di vivere tanto legati ai nostri desideri, ai progetti e ai rimpianti. La vita, altrimenti, può diventare talmente complessa e piena di preferenze e progetti che noi finiamo col perdere la vera esperienza della realtà delle cose. Possiamo, ad esempio, compiere un’escursione su uno splendido sentiero di montagna e passare tre quarti del tempo a pensare alle cose che ci aspettano al ritorno. Siamo attaccati ai nostri giudizi, alle idee e ai progetti, come se sapessimo davvero quello che dovrà accadere: invece non lo sapremo mai, anche se siamo in grado di fare valide supposizioni. Non sapremo mai, ad esempio, chi morirà o chi nascerà nel giorno presente; non sapremo mai se saremo travolti da un’automobile o se vinceremo la lotteria. Un grande senso di tranquillità si manifesta, dunque, quando ci liberiamo del futile desiderio di controllare ogni cosa e ci dedichiamo, invece, a ogni istante che passa con apertura interiore e consapevolezza. È come l’ombra fresca di un albero per una persona fino ad allora tormentata dal calore del sole. Non si vuol dire, in ogni caso, che è sbagliato avere progetti e idee; progetti e idee, in sé e per sé, vanno bene: è l’attaccamento a essi, o il fare eccessivo assegnamento su di essi, che provoca il guaio.

In una sua poesia, Pablo Neruda descrive proprio lo spirito di questa specifica qualità:

Pubblicità

Ora conteremo fino a dodici
e tutti resteremo fermi.
Una volta tanto sulla faccia della
terra,
non parliamo in nessuna lingua;
fermiamoci un istante,
e non gesticoliamo tanto.

Che strano momento sarebbe
senza trambusto, senza motori;
tutti ci troveremmo assieme
in una improvvisa stravaganza.

Nel mare freddo il pescatore
non attenterebbe alle balene
e l’uomo che raccoglie il sale
non guarderebbe le sue mani offese.

Coloro che preparano nuove guerre,
guerre coi gas, guerre col fuoco,
vittorie senza sopravvissuti,
indosserebbero vesti pulite
per camminare coi loro fratelli
nell’ombra, senza far nulla.

Ciò che desidero non va confuso
con una totale inattività.
È della vita che si tratta; …

Se non fossimo cosi votati
a tenere la nostra vita in moto
e per una volta tanto non facessimo nulla,
forse un immenso silenzio interromperebbe la tristezza
di non riuscire mai a capirci
e di minacciarci con la
morte.

Forse la terra ci può insegnare,
come quando tutto d’inverno sembra morto
e dopo si dimostra vivo.

Ora conterò fino a dodici
e voi starete zitti e io andrò via.

La calma interiore è un modo d’essere che può trasformare la nostra vita: concentrarsi su una cosa per volta, lasciar stare tutte le imperfezioni della vita, nutrire un senso del momento, essere soddisfatti del presente. Da principio, la nostra meditazione potrà conoscere un qualche sviluppo, ma continuerà a essere caratterizzata da un certo grado di conflitto o di giudizio. A mano a mano, però, che aumenta la nostra bravura nel meditare, potremo apprendere l’arte dell’allentare la presa e dell’individuare un centro di assoluta quiete nel bel mezzo del continuo cambiamento dei nostri dati sensoriali. In questo modo, quando sediamo per meditare, potranno dischiudersi per noi livelli straordinari di silenzio e di pace, e ci sembrerà allora che l’intero universo si sia improvvisamente fermato. Il nostro corpo potrà diventare luminoso e trasparente come un chiaro cielo di primavera. I nostri sensi e il cuore si potranno aprire con dolcezza e delicatezza, e assieme a ciò si manifesterà un forte senso di contentamento. Potremo finalmente imparare che la felicità scaturisce dalla quiete del cuore e non dal cambiamento delle circostanze esteriori. E la scoperta di tutte queste cose sarà al tempo stesso una facoltà e un frutto della nostra pratica.

Il cuore della saggezza. Esercizi di meditazione

Joseph Goldstein, Jack Kornfield, Il cuore della saggezza. Esercizi di meditazione
Un aggiornato sommario di insegnamenti di carattere pratico, che hanno conservato la loro purezza essenziale in un arco di tempo di duemilacinquecento anni, pur attraverso la traduzione in molte lingue e la trasposizione in molte culture diverse. Ogni capitolo è corredato di una specifica appendice di carattere pratico-meditativo, contenente l'indicazione di una serie di esercizi per l'applicazione dei diversi insegnamenti esposti.

Paolo Subioli

Un testo che potremmo annoverare tra i classici, che è un vero e proprio manuale redatto da due tra i più grandi maestri di meditazione vipassana. Per metterlo in pratica serve la vita intera, tanti sono gli spunti che offre!

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Andrea Piacquadio, Ungheria]

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Josè Saramago – Com’è fondo il silenzio

Com’è fondo il silenzio tra le stelle. Non un suono di parola si propaga, né cinguettio di favolosi uccelli. Ma là tra quelle stelle, dove siam un astro ricreato, là si sente quell’intimo rumore che apre le rose.   Da:...

Silvio Anselmo – Liquidamente

Liquidamente arreso alla sfuggente presa del reale. Ecco, si, liquido come l’acqua che si insinua e prende tutte le forme, ma non ne conserva alcuna; tutti i sapori, gli umori e li scioglie in sé e va ad arricchire, con...

Silvio Anselmo – Potere

Accettare l’impotenza nel confronto con le cose mi dà un potere inaspettato: così non mi sento più sigillato e il cuore canta e fluisce con tutto ciò che accade in gioiosa libertà. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito –...

Silvio Anselmo – Il vuoto

Sul terrazzo mi muovo, senza scopo mi muovo. Sto bene. Son solo. Son vuoto. Però sottile sottile un’ansia è in me. Perché? Non faccio…Ma penso. E sento quel vuoto di senso. Se faccio, non penso e il vuoto si vuota...

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Pubblicità