Joseph Goldstein – Come trasformare la propria giornata in una cerimonia del tè

trasformare la giornata in una cerimonia del te

Trasformare la propria giornata in una cerimonia del tè secondo Joseph Goldstein è possibile e auspicabile. È solo necessario coltivare la consapevolezza cercando di compiere ogni movimento con cura e attenzione.

Due qualità sono alla radice dello sviluppo di ogni forma di meditazione: il retto sforzo e la retta meta, vale a dire la produzione di uno sforzo capace di indirizzare la mente verso l’obiettivo. Sforzo e meta: tutto il resto verrà da sé. Se c’è questo sforzo capace di indirizzare la mente nella maniera corretta, sia la presenza mentale che la concentrazione, la quiete, l’equanimità, la sapienza e la compassione verranno da sé.

Proviamo, ad esempio, a sedere in meditazione e a fare lo sforzo di indirizzare la mente verso il respiro, o il flusso di inspirazione ed espirazione che passa per le narici, o il sollevamento e l’abbassamento dell’addome. Se lo sforzo e l’energia sono sufficienti, e se la meta è corretta, ci troveremo strettamente legati a quelle sensazioni di alto e basso o di dentro e fuori; acquisiremo la necessaria presenza mentale relativa a quelle specifiche sensazioni e al modo in cui esse operano, e ciò farà sviluppare la nostra concentrazione e approfondire la nostra capacità di comprensione.

Pubblicità

A tanto si perviene, nel migliore dei modi, accompagnati da un senso di leggerezza e di compiacenza, arricchiti da un vivo interesse per la scoperta di ciò che è vero; se, al contrario, cerchiamo di praticare animati da un sentimento di obbligo o di dovere, la mente diventa spesso ribelle e arcigna. Ma avere presenza mentale non significa affatto essere arcigni, anche se all’inizio della pratica meditativa si può scambiare una cosa per l’altra.

Un’immagine che può felicemente illustrare la giusta qualità della meta e dello sforzo è quella della cerimonia giapponese del tè. In essa, ogni movimento viene compiuto con estrema cura e precisione: l’atto di ripiegare il tovagliolo, ad esempio, o quello di versare il tè, si compongono di molti singoli e differenti movimenti, ciascuno dei quali viene eseguito con la medesima cura e la medesima attenzione. Tutto viene fatto con delicatezza, leggerezza e grazia.

Riusciremo, allora, a trasformare la nostra giornata, o almeno una parte di essa, in una cerimonia giapponese del tè, in modo che ogni nostro movimento: stendere, chinare, piegare, divenga a sua volta una cerimonia? Se saremo in grado di praticare in questa maniera, o perlomeno di compiere una pratica in qualche modo simile a questa, trarremo grande incoraggiamento e ispirazione dal vedere con quanto vigore e rapidità la consapevolezza e la capacità di comprensione si accrescono e si approfondiscono.

Il cuore della saggezza. Esercizi di meditazione

Joseph Goldstein, Jack Kornfield, Il cuore della saggezza. Esercizi di meditazione
Un aggiornato sommario di insegnamenti di carattere pratico, che hanno conservato la loro purezza essenziale in un arco di tempo di duemilacinquecento anni, pur attraverso la traduzione in molte lingue e la trasposizione in molte culture diverse. Ogni capitolo è corredato di una specifica appendice di carattere pratico-meditativo, contenente l'indicazione di una serie di esercizi per l'applicazione dei diversi insegnamenti esposti.
Paolo Subioli

Un testo che potremmo annoverare tra i classici, che è un vero e proprio manuale redatto da due tra i più grandi maestri di meditazione vipassana. Per metterlo in pratica serve la vita intera, tanti sono gli spunti che offre!

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Pixabay]

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità