Thich Nhat Hanh – Felicità e sofferenza sono entrambe passeggere

felicità e sofferenza

Felicità e sofferenza sono di natura biologica, dunque entrambe passeggere e in continuo mutamento. Per spiegarcelo, Thich Nhat Hanh usa l’esempio del fiore, che dipende da molti fattori diversi e mutevoli.

Felicità e sofferenza sono entrambe passeggere

La felicità e la sofferenza sono di natura biologica, il che significa che sono entrambe passeggere e che sono in continuo mutamento. Quando il fiore appassisce diventa concime; il concime può servire a coltivare un altro fiore. Anche la felicità è di natura biologica e impermanente: può diventare sofferenza, e la sofferenza può ridiventare felicità.

Se si osserva in profondità un fiore si vede che è fatto soltanto di elementi di non-fiore. In quel fiore c’è una nuvola: certo, sappiamo bene che una nuvola non è un fiore, ma senza la nuvola non può esserci il fiore. Se non ci sono nuvole non c’è pioggia e i fiori non possono crescere. Non occorre essere un sognatore per vedere una nuvola che galleggia nel fiume: lì c’è davvero la nuvola; c’è anche la luce del sole. La luce del sole non è un fiore, ma senza la luce del sole non può esserci alcun fiore.

Pubblicità

Se continuiamo a osservare a fondo il fiore vedremo molte altre cose – come la terra e i minerali – senza le quali un fiore non può esistere. È un fatto, dunque: un fiore è composto soltanto da elementi di non-fiore. Un fiore non può esistere da solo: può soltanto inter-essere con ogni altra cosa. La luce del sole, il terreno o la nuvola non si possono togliere dal fiore.

Trasformare la sofferenza. L’arte di generare felicità

Thich Nhat Hanh, Trasformare la sofferenza
Il grande segreto per vivere felici è riconoscere e trasformare la sofferenza, non fuggire da essa. Un proposito difficile da perseguire. Il dolore ci spaventa e la società in cui viviamo ci suggerisce molteplici scappatoie per non guardare in profondità ciò che ci tormenta. Con la solita chiarezza e gioia, Thich Nhat Hanh mostra in queste pagine come affrontare con consapevolezza le ferite dentro di noi. In altre parole ci insegna l'arte della felicità.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Gratisography]

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità