Thich Nhat Hanh – Ogni tanto un ‘giorno pigro’ ci sta proprio bene

giorno pigro

La maggior parte di noi conduce una vita fitta di impegni, con un’agenda pienissima. Nel nostro calendario, però, ci sono abbastanza “giorni pigri”?

Un “giorno pigro” è un giorno in cui possiamo non avere alcuna attività programmata e lasciamo che la giornata scorra in modo naturale, senza tempo. Quel giorno abbiamo l’opportunità di ripristinare l’equilibrio in noi stessi.

Possiamo fare meditazione camminata, da soli o con una persona amica, o praticare la meditazione seduta nel bosco. Forse ci andrà di leggere un po’, di scrivere a casa alla famiglia o a un amico. Può essere una giornata in cui osservare più a fondo la nostra pratica e le nostre relazioni con gli altri, o forse in cui riconosceremo di avere semplicemente bisogno di riposo. Quando abbiamo un po’ di tempo senza programmi tendiamo ad annoiarci, ad andare in cerca di intrattenimenti, a guardarci in giro in cerca di qualcosa da fare. Un giorno pigro è un’ occasione per allenarci a non avere paura dell’inattività. Forse pensi che non far niente sia uno spreco di tempo. Non è così: il tuo tempo è innanzitutto un tempo per “essere” – essere vivo, essere in pace.

Da: Thich Nhat Hanh, “Rilassarsi in consapevolezza“, Terra Nuova, 2017.

Rilassarsi in consapevolezza

Thich Nhat Hanh, Rilassarsi
Stanchezza e stress possono portare tristezza, infelicità e dolore nella nostra vita. In questo libro, Thich Nhat Hanh condivide alcuni pensieri e tecniche per rallentare il ritmo di giornate sempre più frenetiche e ritrovare, così, l'equilibrio e il benessere. Queste brevi meditazioni sul riposo, sulla guarigione e sulla solitudine sono strumenti utili per rilassarsi in qualsiasi luogo ci troviamo, e per ricercare la nostra personale strada verso un rilassamento più profondo e consapevole.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Simon Hermans]