Jon Kabat-Zinn – Non puoi fermare le onde, ma puoi imparare il surf

Non puoi fermare le onde, ma puoi imparare il surf

“Non puoi fermare le onde, ma puoi imparare il surf” è la celebre metafora proposta da Kabat-Zinn per descrivere la meditazione, in grado di portare nella nostra vita un nuovo stato di equilibrio.

Noi, in un modo o nell’altro, abbiamo diviso il mondo in accettabile e inaccettabile e, per conseguenza, ci sentiamo spaventati da particolari esperienze, alienati e frammentati. In virtù dell’osservazione e della disponibilità ad accettare, impariamo a essere gentili con noi stessi e a percepire un senso di correlazione e di interezza. Impariamo, anche, a prestare orecchio al nostro intero essere, senza per ciò giudicare, e ci accorgiamo che la meditazione non procede in linea retta, con ogni seduta migliore della precedente. Ci scopriamo, piuttosto, seduti nel nostro stesso cuore, capaci di percepire le onde del corpo e della mente, capaci di ricevere e di osservare: cosa che, come del resto ogni altra, richiede pazienza e pratica. A poco a poco, insomma, si sviluppa in noi un equilibrio di un genere assolutamente nuovo e diverso: fatto, questo, veramente sbalorditivo.

C’è un poster che raffigura Swami Satchidananda, con una veste avvolta sui fianchi, nella posizione yogica detta dell’albero, con una gamba in alto e le mani sulla testa. È in equilibrio, pertanto, su un piede solo. Non ci sarebbe nulla di particolarmente insolito, se egli non si trovasse in quella posizione su una tavola da surf che scivola sulla cresta di un’onda immensa. Sotto è scritto a caratteri di scatola: “Non puoi fermare le onde, ma puoi imparare il surf”. Ecco: questa è la meditazione. E assolutamente vero: non possiamo arrestare le onde del cambiamento; esse costituiscono l’intelaiatura stessa della nostra vita. Ma possiamo imparare a scivolare sulla cresta di quelle onde, a essere consapevoli, a essere ben equilibrati. In quel momento la nostra vita non sarà più basata sul timore, e quello stesso stato di equilibrio diverrà un modo di vivere con grande bellezza e naturalezza.

Pubblicità

Da: Jon Kabat-Zinn, Riprendere i sensi, TEA, 2008.

Riprendere i sensi. Guarire se stessi e il mondo attraverso la consapevolezza

Riprendere i sensi. Guarire se stessi e il mondo attraverso la consapevolezza
In questo libro Kabat-Zinn intende fornire il testo di riferimento, nella nostra epoca, sulla relazione fra consapevolezza e benessere fisico e spirituale, prendendo in esame i misteri e le meraviglie della nostra mente e del nostro corpo e descrivendo modi semplici e intuitivi per arrivare, tramite i sensi, a una comprensione più profonda della nostra bellezza, del nostro genio e del percorso che scegliamo per la nostra vita in un mondo complicato, dominato dalla paura…
Paolo Subioli

Questo libro di Jon Kabat-Zinn, l’inventore della Mindfulness, è più che mai ricco di spunti utili. Ne trovate tanti brani in questo sito.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

[La foto è di Pixabay]

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità