Rilke cerchi che si tendono

Rilke, con i suoi cerchi che si tendono sempre più ampi, evoca una dimensione trascendente della condizione umana, di perenne domanda sul senso della vita e di aspirazione a qualcosa di più alto.

Rilke cerchi che si tendono sempre più ampi

Cerchi che si tendono sempre più ampi
sopra le cose è la mia vita.
Forse non chiuderò l’ultimo,
ma voglio tentare.

Giro attorno a Dio, all’antica torre,
giro da millenni;
e ancora non so se sono un falco, una tempesta
o un grande canto.

Ich lebe mein Leben in wachsenden Ringen

Ich lebe mein Leben in wachsenden Ringen,
die sich über die Dinge ziehn.
Ich werde den letzten vielleicht nicht vollbringen,
aber versuchen will ich ihn.

Ich kreise um Gott, um den uralten Turm,
und ich kreise jahrtausendelang;
und ich weiß noch nicht: bin ich ein Falke, ein Sturm
oder ein großer Gesang.

Tratto da: Rainer Maria Rilke, “Il libro d’ore“, Servitium Editrice, 2012..

Chi è Rainer Maria Rilke

Rainer Maria Rilke (1875-1926), austriaco di origine boema, è considerato uno dei maggiori poeti di lingua tedesca del XX secolo e uno dei più grandi interpreti lirici della spiritualità moderna. Uno dei temi di fondo delle opere di Rilke è la religiosità, profondamente influenzata dall’ambiente cattolico della sua famiglia, ma che in seguito si modifica in un senso più lirico-simbolico. È stato influenzato da Schopenhauer e soprattutto Nietzsche, verso una radicale rottura col Cristianesimo occidentale e la ricerca di una spiegazione moderna e scientifica della verità.

[La foto su Rilke cerchi che si tendono è di Engin Akyurt]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Facebook
Vorrei ricevere anch'io la Newsletter