Dorothy Hunt – La pace è questo momento senza giudizio

pesie di Dorothy Hunt

Dorothy Hunt in questa poesia ci esorta a cercare la pace non al di fuori di noi, ma in noi stessi, in uno spazio aperto e senza giudizio, nel quale siamo disponibili ad accogliere tutto ciò che c’è.

La pace è questo momento senza giudizio

Di Dorothy S. Hunt

 

Pensi che la pace richieda la fine della guerra?
O che le tigri mangino solo verdura?
La pace richiede l’assenza del tuo capo,
del tuo coniuge, di te stesso?
Pensi che la pace provenga da un luogo diverso da questo?
Da un tempo diverso dall’Adesso?
In un cuore diverso da tuo?

Pubblicità

La pace è questo momento senza giudizio.
È tutto qui. Questo momento nello spazio del cuore
dove tutto ciò che è, è benvenuto.
La pace è questo momento
senza pensare che debba essere diverso,
che dovresti sentirti in un altro modo,
che la tua vita dovrebbe svolgersi secondo i tuoi piani.

La pace è questo momento senza giudizio,
questo momento nello spazio del cuore
dove tutto ciò che è, è benvenuto.

Peace is This Moment Without Judgment

​Dorothy Hunt

 

Do you think peace requires an end to war?
Or tigers eating only vegetables?
Does peace require an absence from
your boss, your spouse, yourself?…
Do you think peace will come some other place than here?
Some other time than Now?
In some other heart than yours?

​Peace is this moment without judgment.
That is all. This moment in the Heart-space
where everything that is is welcome.
Peace is this moment without thinking
that it should be some other way,
that you should feel some other thing,
that your life should unfold according to your plans.

​Peace is this moment without judgment,
this moment in the heart-space where
everything that is is welcome.

Chi è Dorothy Hunt

dorothy huntDorothy Hunt è la fondatrice del San Francisco Center for Meditation and Psychotherapy. Creandolo, nel 1992, immaginava che la meditazione e la psicoterapia fossero due cose diverse. Ora Dorothy considera la meditazione come “semplicemente Essere – essere in intimità con qualunque cosa sia qui nel momento”, così che sia impossibile separare la pratica della meditazione dalla pratica della psicoterapia. Il suo insegnante di riferimento è Adyashanti, ma il suo percorso include anche Madre Teresa di Calcutta e maestri Advaita come Ramana Maharshi e Ramesh Balsekar.

[La foto è di Marius Venter, Sudafrica]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Rumi – Sono morto come minerale e come pianta sorto

Una poesia di Rumi, il grande poeta mistico persiano del XIII secolo, che esalta la continuità dell’esistenza in tutte le cose.

Patrizia Cavalli – Una poesia sull’ossessione di giudicarsi

Quella di giudicarsi è una sorta di ossessione che ci rovina la vita, poiché è in agguato in ogni momento. Questa poesia di Giulia Valli può aiutarci a vederne l’inconsistenza.

Patrizia Cavalli – Immobile

Patrizia Cavalli con questa poesia esprime un sentire che va molto oltre la auto-rappresentazione a cui siamo abituati per rapportarci al mondo e vede se stessa non come un’entità separata dal resto della realtà e ad essa in qualche modo “superiore”.

Silvio Anselmo – Fiducia

In questa poesia Silvio Anselmo esprime il carattere apparentemente irragionevole, ma assolutamente necessario, della fiducia.

Thich Nhat Hanh – Chiamami con i miei veri nomi

‘Chiamami con i miei veri nomi’ è una delle più famose poesie del maestro zen vietnamita Thich Nhat Hanh. Di fronte anche alle più immani tragedie, possiamo imparare a guardare i fatti con gli occhi della compassione.

Mary Oliver – Giorno d’Estate

Mary Oliver, in “Giorno d’estate” esprime uno stupore incantato di fronte alla bellezza della vita che somiglia a una preghiera, ma è solo l’esortazione a goderci ciò che abbiamo finché possiamo farlo.

Josè Saramago – Com’è fondo il silenzio

Com’è fondo il silenzio tra le stelle. Non un suono di parola si propaga, né cinguettio di favolosi uccelli. Ma là tra quelle stelle, dove siam un astro ricreato, là si sente quell’intimo rumore che apre le rose.   Da:...

Thich Nhat Hanh – La nostra vera eredità

Una poesia del grande maestro zen vietnamita, che ci invita ad apprezzare la preziosità della nostra vita attuale.

Mariangela Gualtieri – In attesa

Questa poesia di Mariangela Gualtieri ci proietta nella dimensione sospesa del non fare, l’unica possibile per entrare pienamente in contatto con il qui e ora.

Robert Frost – La strada non presa

La poesia “La strada non presa” di Robert Frost è particolarmente amata da chi pratica la meditazione, perché esprime in modo suggestivo la condizione di chi intraprende un cammino privo di sicurezza e ricco di possibilità come quello della pratica.

Silvio Anselmo – La parola

La parola pur fascinosa non può cogliere in pieno il volto segreto della realtà; lo può sfiorare e dar aria al cuore ma conserverà le stimmate dell’illusione e un sentire nel profondo di inestirpabile frustrazione.   Da: Silvio Anselmo, “Il...

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità