Dorothy Hunt – La pace è questo momento senza giudizio

pesie di Dorothy Hunt

Dorothy Hunt in questa poesia ci esorta a cercare la pace non al di fuori di noi, ma in noi stessi, in uno spazio aperto e senza giudizio, nel quale siamo disponibili ad accogliere tutto ciò che c’è.

La pace è questo momento senza giudizio

Di Dorothy S. Hunt

 

Pensi che la pace richieda la fine della guerra?
O che le tigri mangino solo verdura?
La pace richiede l’assenza del tuo capo,
del tuo coniuge, di te stesso?
Pensi che la pace provenga da un luogo diverso da questo?
Da un tempo diverso dall’Adesso?
In un cuore diverso da tuo?

Pubblicità

La pace è questo momento senza giudizio.
È tutto qui. Questo momento nello spazio del cuore
dove tutto ciò che è, è benvenuto.
La pace è questo momento
senza pensare che debba essere diverso,
che dovresti sentirti in un altro modo,
che la tua vita dovrebbe svolgersi secondo i tuoi piani.

La pace è questo momento senza giudizio,
questo momento nello spazio del cuore
dove tutto ciò che è, è benvenuto.

Peace is This Moment Without Judgment

​Dorothy Hunt

 

Do you think peace requires an end to war?
Or tigers eating only vegetables?
Does peace require an absence from
your boss, your spouse, yourself?…
Do you think peace will come some other place than here?
Some other time than Now?
In some other heart than yours?

​Peace is this moment without judgment.
That is all. This moment in the Heart-space
where everything that is is welcome.
Peace is this moment without thinking
that it should be some other way,
that you should feel some other thing,
that your life should unfold according to your plans.

​Peace is this moment without judgment,
this moment in the heart-space where
everything that is is welcome.

Chi è Dorothy Hunt

dorothy huntDorothy Hunt è la fondatrice del San Francisco Center for Meditation and Psychotherapy. Creandolo, nel 1992, immaginava che la meditazione e la psicoterapia fossero due cose diverse. Ora Dorothy considera la meditazione come “semplicemente Essere – essere in intimità con qualunque cosa sia qui nel momento”, così che sia impossibile separare la pratica della meditazione dalla pratica della psicoterapia. Il suo insegnante di riferimento è Adyashanti, ma il suo percorso include anche Madre Teresa di Calcutta e maestri Advaita come Ramana Maharshi e Ramesh Balsekar.

[La foto è di Marius Venter, Sudafrica]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Patrizia Cavalli – Una poesia sull’ossessione di giudicarsi

Quella di giudicarsi è una sorta di ossessione che ci rovina la vita, poiché è in agguato in ogni momento. Questa poesia di Giulia Valli può aiutarci a vederne l’inconsistenza.

Kabir – Stai cercando me? Sono nella sedia accanto.

Kabir, in questa poesia “Stai cercando me?”, esprime il più alto valore della spiritualità: quello che non si trova nell’ufficialità delle religioni, né nel seguire delle regole, ma nella più intima essenza della vita.

Silvio Anselmo – Comunione

Ti fiocca in cuore un emozione, un sentimento, senza oggetto, vago; senti che palpiti col reale, che sia pioggia, sole o vento non fa differenza: è una questione d’amorosa comunione. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Silvio Anselmo – Il bruco

Bruca bruca la foglia delle tue necessità: finché sei bruco quella è la tua fatalità. Ma se ti apri al mistero che hai in cuore la farfalla che è in te aprirà le ali e volerà verso un destino di...

Charlie Chaplin – Quando ho cominciato ad amarmi

Quando ho cominciato ad amarmi è una poesia attribuita a Charlie Chaplin che riesce a toccare nel profondo ciascuno di noi

Emily Dickinson – La mente è più vasta del cielo

La poesia di Emily Dickinson “La mente è più grande del cielo” esalta le possibilità potenzialmente infinite e per lo più misconosciute della mente umana, avvicinandosi al concetto buddhista di “Grande Mente”.

Silvio Anselmo – Essere

Essere nella gratuità. Nello scopo ci siamo da sempre e c’è infelicità Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni La parola, 2014. Per approfondire: gratuità non ottenimento poesie di Silvio Anselmo [La foto è di Ethan Hoover...

Kabir – Difficoltà (una delle più belle poesie del grande mistico e poeta indiano)

Tra le poesie di Kabir, “Difficoltà” è una di quelle che con più chiarezza esprime il paradosso del percorso spirituale: l’impossibilità per una mente guidate dall’io di liberare se stessa.

Silvio Anselmo – La danza del rallentare

Se tu rallenti rallenti il tuo agire in quelle lente movenze ti sentirai danzare la vita – non più schiacciato dal condizionamento, dalla necessità, automatizzato- e darai significato e gusto a ogni più minuto ricciolo di realtà. In quella lentezza...

Thich Nhat Hanh – Contemplazione del non andare e non venire

Una poesia del grande maestro zen che ci offre una visione della morte leggera e persino divertente.

Thich Nhat Hanh – Le lacrime che ho versato ieri sono diventate pioggia

‘Le lacrime che ho versato ieri sono diventate pioggia’: il verso di Thich Nhat Hanh esprime in poche parole la profondità della visione non dualista dello Zen, che ci permette di vedere la bellezza anche dove c’è la disperazione.

Silvio Anselmo – Mi tremano tra le dita

Mi tremano tra le dita sempre meno sicuri pensieri a causa di un cuore che ha un lungo ieri e un breve incerto futuro. Ma posso ancora stanare e cantare la speranza che sa dare al vivere il passo di...

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità