Emily Dickinson – La mente è più vasta del cielo

emily dickinson la mente è più grande del cielo

La poesia di Emily Dickinson “La mente è più grande del cielo” esalta le possibilità potenzialmente infinite e per lo più misconosciute della mente umana, avvicinandosi al concetto buddhista di “Grande Mente”.

La mente è più vasta del cielo

Di Emily Dickinson

La mente — è più vasta del cielo —
perché — mettili fianco a fianco —
l’una vedrai contiene l’altro
agevolmente — più te — accanto —

Pubblicità

La mente è più fonda del mare —
perché — tienili — blu sul blu —
l’una vedrai assorbe l’altro —
come fanno — nei secchi — le spugne —

La mente pesa quanto Dio — lo stesso —
perché — tirali su — libbra per libbra —
e differiranno — tutt’al più —
come suono da sillaba —

The Brain is wider than the Sky

By Emily Dickinson

The Brain — is wider than the Sky —
For — put them side by side —
The one the other will contain
With ease — and You — beside —

The Brain is deeper than the sea —
For — hold them — Blue to Blue —
The one the other will absorb —
As Sponges — Buckets — do —

The Brain is just the weight of God —
For — Heft them — Pound for Pound —
And they will differ — if they do —
As Syllable from Sound —

Tratto da: Emily Dickinson, “Centoquattro poesie“, Einaudi, 2020.

Centoquattro poesie

Emily Dickinson, 104 poesie
Publisher:
Genre:
N. pagine: 228
"La struttura essenziale delle strofe mi ha spesso consentito di conservare senza forzature un'alta quota del ritmo e della musicalità così tipici del suo incedere, il tono austero che rende autorevole la voce e che fa di ogni sua poesia un incontro non tanto mediato dalle parole, quanto, immediato, nelle parole." (Dalla nota di Silvia Bre.)
[La foto è di Nejc Košir]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Mary Oliver – Giorno d’Estate

Mary Oliver, in “Giorno d’estate” esprime uno stupore incantato di fronte alla bellezza della vita che somiglia a una preghiera, ma è solo l’esortazione a goderci ciò che abbiamo finché possiamo farlo.

Marco Guzzi – Fuori legge

Marco Guzzi in questa poesia esprime una visione dell’amore che nasce dal creare spazio in se stessi e dare tempo al maturare.

Silvio Anselmo – Potere

Accettare l’impotenza nel confronto con le cose mi dà un potere inaspettato: così non mi sento più sigillato e il cuore canta e fluisce con tutto ciò che accade in gioiosa libertà. Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito –...

Josè Saramago – Com’è fondo il silenzio

Com’è fondo il silenzio tra le stelle. Non un suono di parola si propaga, né cinguettio di favolosi uccelli. Ma là tra quelle stelle, dove siam un astro ricreato, là si sente quell’intimo rumore che apre le rose.   Da:...

Wislawa Szymborska – Il senso di colpa è così umano!

Il senso di colpa si lega alla scarsa autostima e rovina le nostre esistenze. Wislawa Szymborska con questa poesia ci fa notare come nel mondo animale un tale genere di sentimenti sia del tutto assente.

Silvano Agosti – Quello che sai di me non sono io

Silvano Agosti in questa poesia celebra la consapevolezza di non sapere, una postura mentale che consente di penetrare la vera realtà delle cose nel modo più profondo possibile.

Dorothy Hunt – La pace è questo momento senza giudizio

Dorothy Hunt in questa poesia ci esorta a cercare la pace non al di fuori di noi, ma in noi stessi, in uno spazio aperto e senza giudizio, nel quale siamo disponibili ad accogliere tutto ciò che c’è.

Naomi Shihab Nye – Gentilezza

Naomi Shihab Nye parla della Gentilezza, in questa poesia, evitando di esaltarla come virtù senza averne evidenziato il presupposto necessario: la nostra capacità di vedere il dolore e imparare ad affrontarlo.

Jeff Foster – Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero

Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero, dice Jeff Foster in questa poesia che inneggia ad accettare ogni imperfezione

Thich Nhat Hanh – Chiamami con i miei veri nomi

‘Chiamami con i miei veri nomi’ è una delle più famose poesie del maestro zen vietnamita Thich Nhat Hanh. Di fronte anche alle più immani tragedie, possiamo imparare a guardare i fatti con gli occhi della compassione.

Pablo Neruda – Silenzio

Silenzio di Pablo Neruda è una poesia che, esaltando il valore del silenzio e del non fare niente, ci invita ad assumere un nuovo punto di vista per osservare la vita, sospendendo la nostra smania di fare.

Silvio Anselmo – Il bruco

Bruca bruca la foglia delle tue necessità: finché sei bruco quella è la tua fatalità. Ma se ti apri al mistero che hai in cuore la farfalla che è in te aprirà le ali e volerà verso un destino di...

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità