Fernando Pessoa – Non basta aprire la finestra

non basta aprire la finestra fernando pessoa

Fernando Pessoa, in “Non basta aprire la finestra” esprime la distanza, apparentemente incolmabile, tra il nostro approccio alla realtà, tutto concettuale, e la vera natura delle cose.

Non basta aprire la finestra

Non basta aprire la finestra
per vedere la campagna e il fiume.
Non basta non essere ciechi
per vedere gli alberi e i fiori.
Bisogna anche non aver nessuna filosofia.
Con la filosofia non vi sono alberi: vi sono solo idee.
Vi è soltanto ognuno di noi, simile ad una spelonca.
C’è solo una finestra chiusa e tutto il mondo là fuori;
E un sogno di ciò che potrebbe esser visto se la finestra si aprisse,
che mai è quello che si vede quando la finestra si apre.

Não basta abrir a janela

Não basta abrir a janela
Para ver os campos e o rio.
Não é bastante não ser cego
Para ver as árvores e as flores.
É preciso também não ter filosofia nenhuma.
Com filosofia não há árvores: há ideias apenas.
Há só cada um de nós, como uma cave.
Há só uma janela fechada, e todo o mundo lá fora;
E um sonho do que se poderia ver se a janela se abrisse,
Que nunca é o que se vê quando se abre a janela.

Pubblicità

Tratto da: Fernando Pessoa, “Le poesie di Alberto Caeiro“, Passigli editore, 2005.

[La foto è di Cottonbro, Russia]

È nato il sangha di Zen in th City

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Kabir – Stai cercando me? Sono nella sedia accanto.

Kabir, in questa poesia “Stai cercando me?”, esprime il più alto valore della spiritualità: quello che non si trova nell’ufficialità delle religioni, né nel seguire delle regole, ma nella più intima essenza della vita.

Mary Oliver – Giorno d’Estate

Mary Oliver, in “Giorno d’estate” esprime uno stupore incantato di fronte alla bellezza della vita che somiglia a una preghiera, ma è solo l’esortazione a goderci ciò che abbiamo finché possiamo farlo.

Mary Oliver – Il viaggio

Mary Oliver, con “Il viaggio”, ci esorta a intraprendere un cammino di liberazione che parte dall’abbandono di abitudini mentali dannose e soprattutto dalla cura verso se stessi.

Jeff Foster – Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero

Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero, dice Jeff Foster in questa poesia che inneggia ad accettare ogni imperfezione

Jeff Foster – Questa danza imperfetta

Come sempre Jeff foster esalta l’imperfezione dell’esistenza: ‘Preferirò sempre questa danza imperfetta piuttosto che nessuna danza’

Jon Kabat-Zinn – Cosa significa sdegno? Un modo poco saggio di reagire

Cosa significa sdegno? per Jon Kabat-Zinn è un modo poco saggio di reagire agli avvenimenti, che crea un’inutile separazione tra noi stessi e gli altri.

Chandra Livia Candiani – Non voglio essere migliore

Non voglio diventare migliore, voglio sorridere al mio peggio. Non voglio essere un’altra, voglio adottarmi tutta intera.

Thich Nhat Hanh – Le lacrime che ho versato ieri sono diventate pioggia

‘Le lacrime che ho versato ieri sono diventate pioggia’: il verso di Thich Nhat Hanh esprime in poche parole la profondità della visione non dualista dello Zen, che ci permette di vedere la bellezza anche dove c’è la disperazione.

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Silvio Anselmo – La parola

La parola pur fascinosa non può cogliere in pieno il volto segreto della realtà; lo può sfiorare e dar aria al cuore ma conserverà le stimmate dell’illusione e un sentire nel profondo di inestirpabile frustrazione.   Da: Silvio Anselmo, “Il...

Jack Kornfield – La tranquillità ci semplifica e ci migliora la vita

La tranquillità, uno dei sette fattori dell’illuminazione, è un modo d’essere che può trasformare la nostra vita e renderci soddisfatti del presente.

Antonio Machado – Ieri notte mentre dormivo

Antonio Machado in questa poesia svela uno sguardo interiore capace di vedere al di là delle apparenze per scoprire la natura divina che è in ciascuno d noi, in modo talmente indissolubile e profondo, che riemerge prepotentemente nella dimensione onirica.

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità