Martha Postlethwaite – Radura (Clearing)

martha postlethwaite, clearing

Martha Postlethwaite in questa poesia rappresenta con estrema chiarezza e profondità il disagio di chi si sente impotente di fronte alla sofferenza del mondo, esortando a rivolgere lo sguardo alle proprie risorse interiori.

Radura

Non cercare di metterti al servizio
di tutto il mondo
o di fare qualcosa di grandioso. Piuttosto, crea
una radura
nella fitta foresta
della tua vita
e aspetta lì
pazientemente
finché la canzone
che solo tu puoi cantare
cada nelle tue mani raccolte a coppa
e tu la riconosca e l’accolga.
Solo allora saprai
come darti
al mondo
così degno di essere salvato.

Clearing

Do not try to serve
the whole world
or do anything grandiose. Instead, create
a clearing
in the dense forest
of your life
and wait there
patiently,
until the song
that is yours alone to sing
falls into your open cupped hands
and you recognize and greet it.
Only then will you know
how to give yourself
to the world
so worthy of rescue.

Pubblicità

Tratto da: Martha Postlethwaite, “Addiction and Recovery: A Spiritual Pilgrimage“, Fortress Press, 2019.
Traduzione di Paolo Subioli.

Chi è Martha Postlethwaite

Martha PostlethwaiteMartha Postlethwaite ha trascorso la sua vita professionale ascoltando e condividendo storie in numerosi contesti, anche come cappellano metodista. Pastore della United Methodist Church, ha ricevuto una formazione in consulenza psicologica e direzione spirituale. Dopo 22 anni di insegnamento in teologia, Martha ha trovato la sua vera casa come pastore principale della Recovery Church, nel Minnesota, “una comunità cristiana e di riconciliazione aperta a diversi concetti di spiritualità”.

[La foto è di Nejc Košir]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Antonio Machado – Ieri notte mentre dormivo

Antonio Machado in questa poesia svela uno sguardo interiore capace di vedere al di là delle apparenze per scoprire la natura divina che è in ciascuno d noi, in modo talmente indissolubile e profondo, che riemerge prepotentemente nella dimensione onirica.

Naomi Shihab Nye – Gentilezza

Naomi Shihab Nye parla della Gentilezza, in questa poesia, evitando di esaltarla come virtù senza averne evidenziato il presupposto necessario: la nostra capacità di vedere il dolore e imparare ad affrontarlo.

Jack Kornfield – La tranquillità ci semplifica e ci migliora la vita

La tranquillità, uno dei sette fattori dell’illuminazione, è un modo d’essere che può trasformare la nostra vita e renderci soddisfatti del presente.

Jon Kabat-Zinn – Cosa significa sdegno? Un modo poco saggio di reagire

Cosa significa sdegno? per Jon Kabat-Zinn è un modo poco saggio di reagire agli avvenimenti, che crea un’inutile separazione tra noi stessi e gli altri.

Patrizia Cavalli – Una poesia sull’ossessione di giudicarsi

Quella di giudicarsi è una sorta di ossessione che ci rovina la vita, poiché è in agguato in ogni momento. Questa poesia di Giulia Valli può aiutarci a vederne l’inconsistenza.

Silvio Anselmo – Il vuoto

Sul terrazzo mi muovo, senza scopo mi muovo. Sto bene. Son solo. Son vuoto. Però sottile sottile un’ansia è in me. Perché? Non faccio…Ma penso. E sento quel vuoto di senso. Se faccio, non penso e il vuoto si vuota...

Mary Oliver – Giorno d’Estate

Mary Oliver, in “Giorno d’estate” esprime uno stupore incantato di fronte alla bellezza della vita che somiglia a una preghiera, ma è solo l’esortazione a goderci ciò che abbiamo finché possiamo farlo.

Mary Oliver – Le oche selvatiche

Una poesia di Mary Oliver che ci aiuta a comprendere la nostra profonda interconnessione con tutte le cose e gli esseri dell’universo.

Silvio Anselmo – La parola

La parola pur fascinosa non può cogliere in pieno il volto segreto della realtà; lo può sfiorare e dar aria al cuore ma conserverà le stimmate dell’illusione e un sentire nel profondo di inestirpabile frustrazione.   Da: Silvio Anselmo, “Il...

Silvio Anselmo – Silenzio mentale

Nel silenzio mentale lo spazio profondo dell’interiorità rivela una presenza che consola misteriosamente la bramosia di senso e la precarietà esistenziale. In quel silenzio una pace una pienezza unificata.   Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Silvio Anselmo – Morire

Morire è una Poesia di Anselmo che affronta, con la sua consueta serenità divertita, un argomento che siamo abituati a considerare lugubre.

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità