Mary Oliver – Il viaggio

mary oliver il viaggio

Mary Oliver, con “Il viaggio”, ci esorta a intraprendere un cammino di liberazione che parte dall’abbandono di abitudini mentali dannose e soprattutto dalla cura verso se stessi.

Un giorno infine hai capito
cosa dovevi fare, e hai iniziato,
anche se le voci intorno
continuavano a urlare
i loro cattivi consigli –
anche se l’intera casa
si era messa a tremare
e hai sentito il vecchio strattone
alle caviglie.
“Sistema la mia vita!”
gridavano le voci.
Ma non ti sei fermato.
Sapevi cosa dovevi fare,
anche se il vento frugava
con le sue dita rigide
fino nelle fondamenta,
anche se la loro malinconia
era terribile.
Era già tardi
abbastanza, e la notte selvaggia,
e la strada ostruita
da rami e sassi caduti.
Ma poco a poco,
mentre lasciavi indietro le loro voci,
le stelle hanno iniziato a bruciare
attraverso il velo di nuvole,
e una nuova voce
che piano piano
riconoscevi come la tua
ti teneva compagnia
mentre ti inoltravi sempre più
nel mondo,
determinato a fare
l’unica cosa che potevi fare,
determinato a salvare
l’unica vita che potevi salvare.

THE JOURNEY

Pubblicità

One day you finally knew
what you had to do, and began,
though the voices around you
kept shouting
their bad advice-
though the whole house
began to tremble
and you felt the old tug
at your ankles.
“Mend my life!”
each voice cried.
But you didn’t stop.
You knew what you had to do,
though the wind pried
with its stiff fingers
at the very foundations, though their melancholy
was terrible.
It was already late
enough, and a wild night,
and the road full of fallen branches and stones.
but little by little,
as you left their voices behind,
the stars began to burn
through the sheets of clouds,
and there was a new voice
which you slowly
recognized as your own,
that kept you company
as you strode deeper and deeper
into the world,
determined to do
the only thing you could do-
determined to save
the only life you could save.

Tratto da: Roger Housden, “Ten Poems for Difficult Times“, Nw World Library, 2018.
Traduzione di Silvia Pio da Margutte.

Per approfondire:

viaggio

salvezza

Mary Oliver

Le più belle poesie sulla meditazione e su argomenti che le somigliano parecchio

[La foto è di Dziana Hasanbekava, Stati Uniti]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Wislawa Szymborska – Il senso di colpa è così umano!

Il senso di colpa si lega alla scarsa autostima e rovina le nostre esistenze. Wislawa Szymborska con questa poesia ci fa notare come nel mondo animale un tale genere di sentimenti sia del tutto assente.

Kabir – Stai cercando me? Sono nella sedia accanto.

Kabir, in questa poesia “Stai cercando me?”, esprime il più alto valore della spiritualità: quello che non si trova nell’ufficialità delle religioni, né nel seguire delle regole, ma nella più intima essenza della vita.

Silvio Anselmo – Silenzio mentale

Nel silenzio mentale lo spazio profondo dell’interiorità rivela una presenza che consola misteriosamente la bramosia di senso e la precarietà esistenziale. In quel silenzio una pace una pienezza unificata.   Da: Silvio Anselmo, “Il viaggio. Desiderio d’infinito – Poesie“, Edizioni...

Charlie Chaplin – Quando ho cominciato ad amarmi

Quando ho cominciato ad amarmi è una poesia attribuita a Charlie Chaplin che riesce a toccare nel profondo ciascuno di noi

Wislawa Szymborska – Vista con granello di sabbia

Una poesia che ci aiuta a ribaltare il nostro modo abituale di vedere le cose, tutto basato su concetti e su idee fisse delle cose intorno a noi.

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Fernando Pessoa – Non basta aprire la finestra

Fernando Pessoa, in “Non basta aprire la finestra” esprime la distanza, apparentemente incolmabile, tra il nostro approccio alla realtà, tutto concettuale, e la vera natura delle cose.

Jon Kabat-Zinn – Cosa significa sdegno? Un modo poco saggio di reagire

Cosa significa sdegno? per Jon Kabat-Zinn è un modo poco saggio di reagire agli avvenimenti, che crea un’inutile separazione tra noi stessi e gli altri.

Antonio Machado – Ieri notte mentre dormivo

Antonio Machado in questa poesia svela uno sguardo interiore capace di vedere al di là delle apparenze per scoprire la natura divina che è in ciascuno d noi, in modo talmente indissolubile e profondo, che riemerge prepotentemente nella dimensione onirica.

Thich Nhat Hanh – Contemplazione del non andare e non venire

Una poesia del grande maestro zen che ci offre una visione della morte leggera e persino divertente.

Al-Hallaj – Ho molto pensato alle religioni, per capirle

Al-Hallaj, come molti mistici, si disinteressa degli aspetti dottrinali e rituali della religione, per coglierne la dimensione più autenticamente spirituale, come esprime questa poesia molto efficacemente.

Mariangela Gualtieri – Bambina mia

Questa poesia di Mariangela Gualtieri può essere di grande conforto per noi, in tempi di cupo pessimismo per un mondo in declino. Ma anziché darci una velleitaria speranza, ci invita a vedere la bellezza che è già in noi.

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità